“Riapriremo le strutture sportive al massimo entro il 25 maggio, è la data entro la quale non vogliamo andare. Se possibile anche prima se avremo una riposta dal Comitato tecnico-scientifico. Che tutti abbiano la possibilità, con un protocollo rigido ma adattabile di ripartire. Inoltre metteremo a disposizione delle risorse per attuare in tempi rapidi il protocollo di sicurezza per le realtà che avessero problemi ad attuarlo”. Così il ministro dello Sport, Vincenzo Spadafora, nell’informativa al Senato sulla cosiddetta fase 2 riferendosi alle riaperture di “palestre, centri sportivi e centri di danza”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Boccia in Aula: “Valutazione su mobilità tra regioni entro fine maggio. Difficile il passaggio da una a basso rischio ad una ad alto”

next
Articolo Successivo

Senato, la mozione di sfiducia al ministro della Giustizia Bonafede in Aula il 20 maggio

next