Smart helmet è sostanzialmente un termoscanner indossabile in grado di misurare la temperatura corporea di un individuo istantaneamente e fino a sette metri di distanza. Il risultato viene poi visualizzato in alta risoluzione tramite un sistema di realtà aumentata nella parte interna della visiera. I primi prototipi, realizzati dalla cinese KC Wearable, sono stati distribuiti in test ai carabinieri nelle stazioni della metro di Milano e presso l’aeroporto internazionale di Roma Fiumicino.

Si tratta di una soluzione innovativa, che costituisce uno strumento di grande utilità nello scenario di questa complessa e delicata Fase 2 che, nelle intenzioni del Governo, dovrebbe accompagnare il Paese in una lenta ma sicura transizione verso una ritrovata normalità dopo i due mesi di lockdown integrale adottati per arginare la pandemia da Coronavirus. La speranza infatti è di riuscire a tornare progressivamente alle attività produttive senza che i contagi tornino a salire vertiginosamente come nel recente passato, in modo da preservare tanto la salute delle persone quanto il tessuto economico nazionale.

In questo contesto quindi riuscire a monitorare lo stato di salute delle persone che si spostano quotidianamente per lavoro e affari è fondamentale e uno strumento semplice ma efficace è proprio il controllo della temperatura corporea. Chi risulterà avere una temperatura superiore a 37,5° C sarà invitato a sottoporsi a controlli medici, nel tentativo di individuare e isolare velocemente gli individui eventualmente affetti da COVID-19.

Per il momento due smart helmet sono stati affidati ai carabinieri a Milano e sono in fase di test lungo le linee della metropolitana, mentre all’aeroporto di Fiumicino, il primo in Europa a dotarsi di una soluzione simile, ne sono arrivati tre, destinati al personale aeroportuale autorizzato. A Fiumicino sono già in funzione anche 30 termoscanner “a pistola”, a cui presto se ne affiancheranno altri 60. Per sottoporsi alla rilevazione con questo tipo di termoscanner è però necessario attendere in fila, creando così rallentamenti nei flussi di persone. Lo smart helmet invece consente al personale di effettuare le rilevazioni semplicemente camminando e su un gran numero di persone contemporaneamente (fino a 13 insieme, 200 al minuto), con una precisione elevatissima e uno scarto di misurazione delle temperature ridotto appena a 0,3° C.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sony WF-SP800N, ufficiali gli auricolari con 26 ore di autonomia e cancellazione del rumore

next
Articolo Successivo

Huawei porta in Italia i notebook Matebook X Pro 2020 e Matebook 13. Si parte da 699 euro

next