Sony ha appena confermato la disponibilità in Italia e il prezzo del suo Xperia 10 II, uno smartphone di fascia media presentato a fine febbraio assieme al top gamma Xperia 1 II, da cui eredita diverse caratteristiche interessanti, sebbene sia ovviamente equipaggiato con una piattaforma hardware meno performante. Lo smartphone dovrebbe essere acquistabile nel nostro Paese già a partire dai prossimi giorni, con un costo di partenza pari a 369 euro.

Curato nell’aspetto, il Sony Xperia 10 II eredita dal fratello maggiore il nuovo design, con cornici più sottili anche in alto e in basso e rivestimento in vetro Corning Gorilla 6. A colpire è soprattutto la forma allungata del dispositivo, dovuta al formato 21:9 dello schermo, particolarmente adatto alla visione di contenuti multimediali e mantenuto comunque utilizzabile grazie alla funzione Mini Display, che consente di ridurre le dimensioni dell’interfaccia in modo che tutti i comandi siano raggiungibili anche nell’uso a una sola mano.Nella cornice superiore è anche alloggiata la fotocamera frontale da 8 Mpixel.

Dotato di certificazione IP65/68 contro l’infiltrazione di polvere e liquidi, lo smartphone usa un pannello OLED da 6 pollici con risoluzione di 2520 x 1080 pixel ed è equipaggiato con un processore Qualcomm Snapdragon 665, affiancato da 4 GB di RAM e da 128 GB di memoria interna, mentre la batteria è da 3600 mAh. Manca inoltre il modulo 5G, mentre il comparto fotografico posteriore prevede sempre tre fotocamere posteriori, ma con sensori da 12 Mpixel per l’obiettivo standard e da 8 Mpixel sia per l’ultra grandangolare che per il teleobiettivo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Apple e Google mostrano come funzionerà la loro app per il contact tracing

next