Bollini rossi e cartelli sui sedili per mantenere la distanze sono pronti. A Milano da lunedì 27 aprile è partita la sperimentazione della nuova “segnaletica anticovid” per il trasporto pubblico. Ma a due giorni dalla partenza della Fase 2, un episodio ha messo in dubbio sull’effettiva validità di tutte le misure prese per mantenere il distanziamento sociale anche sui mezzi pubblici. Una trentina di persone è salita la notte scorsa a bordo di un autobus sostitutivo della linea metropolitana rossa della città rendendo di fatto impossibile le misure di sicurezza.

Intorno alle 5, tutti e 3o i passeggeri sono saliti insieme sul mezzo, la maggior parte indossava la mascherina. Quando sono stati avvertiti da un messaggio vocale che il mezzo era pieno, e che quindi dovevano scendere, non lo hanno fatto. L’autista ha poi segnalato l’episodio ad Atm, la società che gestisce il trasporto pubblico nel Comune, che ora sta verificando l’accaduto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Coronavirus, a Padova il direttore sanitario contro specializzandi: “La loro vita sociale crea pericoli di contagio nei reparti”. Poi le scuse

next
Articolo Successivo

Coronavirus, Francesco fa appello all’unità tra istituzioni: “Se devi attraversare un fiume, non cambiare cavallo in mezzo al guado”

next