Quali sono, e saranno, le principali conseguenze dell’emergenza Coronavirus sul mercato immobiliare commerciale italiano? In un recente articolo, Immobiliare.it analizza gli scenari a cui il comparto potrebbe andare incontro nei prossimi mesi.

L’interesse per il mattone rallenta

Un 2019 concluso in modo molto positivo, un 2020 partito bene con volumi elevati di compravendite per tutti i settori, ma il comparto commerciale potrebbe subire una pesante battuta d’arresto nei prossimi mesi. Sono queste le principali evidenze messe in luce dall’ultimo report sul tema curato da CBRE. L’arrivo dell’epidemia di Covid-19 ha infatti congelato alcune delle transazioni che erano partite nei mesi scorsi e che si sarebbero dovute concludere in questa fase. Queste circostanze, inevitabilmente, pensano sul mercato immobiliare che registra un marcato rallentamento.

Gli aspetti più colpiti e le conseguenze

La diminuzione del flusso delle entrate, il peso dei costi fissi sul totale e l’aumento dei debiti a breve termine: questi sarebbero i principali aspetti colpiti dall’emergenza. Difficile ancora stimare in modo più preciso le ricadute economiche, molto dipenderà da quanto ancora persisterà questa fase di chiusura. A risentirne maggiormente saranno senza dubbio il settore del turismo e del tempo libero più in generale. Certamente nel nostro Paese a ripartire prima sarà il turismo interno, meno influenzato dagli spostamenti per via aerea.

Quali sono i possibili scenari

Gli esperti del CBRE ipotizzano due possibili scenari per il comparto a livello europeo. Il primo caso presuppone che l’emergenza venga contenuta nel giro di cinque mesi circa. Se così fosse l’immobiliare commerciale potrebbe avere una parziale ripresa già entro la fine del 2020: la perdita sarebbe in questo scenario più contenuta, con un totale di 72 milioni di visitatori in media in meno.

La seconda ipotesi, invece, vede maggiori difficoltà nell’immediato futuro con cifre in ripresa solamente dopo il 2021, a causa di misure più prolungate di contenimento del virus. In questo caso per il 2020 si prevedono 263 milioni di arrivi in meno rispetto all’anno scorso, con un calo complessivo del 17,9%.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Riduzione canone di affitto: ecco come e quando si può richiedere

next
Articolo Successivo

Prorogati i termini per il bonus prima casa: le novità del Dl Liquidità

next