Io e Ligabue dobbiamo stare a casa, Baglioni e Venditti non ne parliamo proprio”. Fiorello pubblica un video ironico sui suoi profili social per rivolgere ai 60enni un’invito molto serio a rimanere a casa. Un invito che lo riguarda da vicino, perché, come ricorda nel video, il 16 maggio compirà 60 anni anche lui. “Salve buongiorno, sono Rosario Fiorello, sono nato il 16 maggio del 1960 – esordisce lo showman – Significa che il 16 maggio compirò 60 anni. Adesso i 60enni non possono uscire. Io non ce li ho ancora, quindi io dal 4 al 16 maggio potrei uscire. Ma noi 60enni dobbiamo fare fronte comune e dobbiamo dare retta a chi ci governa. Quindi se dicono che noi sessantenni dobbiamo stare a casa significa che siamo a rischio, siamo persone da proteggere. Siamo un po’ come il panda, il cercopiteco, il colibrì dell’Himalaya, siamo in via di estinzione”. Quindi, conclude rivolgendosi agli “amici” 60enni, “bisogna rassegnarsi, siamo nella cerchia degli anziani a rischio. Io rimarrò a casa, a meno che qualcuno non dica che i 60enni possono uscire”

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La lettera de ‘I Sansoni’ a Vittorio Feltri da un milione e mezzo di views: “Carissimo…”

next
Articolo Successivo

La lettera d’addio di un nonno ricoverato in un rsa è un ‘simbolo’: “Più del coronavirus uccide la mancanza di rispetto verso gli altri”

next