Sono 103 i medici deceduti in Italia dall’inzio della pandemia da Covid-19. Altri 7 camici bianchi, ha scritto la Federazione nazionale degli ordini dei medici (Fnomceo), hanno perso la vita nelle ultime 24 ore. Sono i medici di famiglia Marzio Zennaro, Tahsin Khrisat, Mario Rossi, Samar Sinjab, Antonio De Pisapia, Massimo Bosio e il chirurgo oncologo Francesco Cortesi. Nel lista, pubblicata dal sito della Federazione quotidianamente, sono inclusi medici in attività, pensionati, pensionati richiamati al lavoro o che prestavano assistenza. Sul fronte degli infermieri, sono due i decessi registrati nelle ultime ore portando a 28 il numero complessivo delle vittime.

“E’ una ferita sulla pelle di tutti i medici”, ha commentato all’agenzia Adnkronos il presidente della Fnomceo Filippo Anelli. “Mai avremmo pensato di arrivare a tanto. Questi numeri devono far riflettere chi doveva tutelarci. La sicurezza sul lavoro è un diritto dei cittadini, ma anche dei medici. E’ opportuno riflettere su quanto questo virus ci abbia colti impreparati e sul fatto che garantire la sicurezza sul lavoro è un dovere dello Stato”, conclude Anelli, sottolineando “che i medici di famiglia hanno pagato il tributo più pesante”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili