Google ha deciso di implementare una nuova funzione in Maps, che consente di visualizzare direttamente in app i ristoranti nei propri dintorni che offrono cibo da asporto o effettuano consegne a domicilio: una soluzione comodissima visto che di questi tempi dove anche fare una spesa è diventato complicato, tra file onnipresenti e orari ridotti.

Come sappiamo, a seguito dell’esplodere della pandemia di Coronavirus, il Governo ha stabilito la chiusura di tutti i locali pubblici come ad esempio i ristoranti. Questi ultimi però possono continuare a restare aperti e in attività, a patto di realizzare esclusivamente consegne a domicilio.

Di app per l’acquisto di cibo con questa modalità ce ne sono un’infinità, ma Google Maps è sicuramente un’app più diffusa e capillarmente installata sulla maggior parte degli smartphone, soprattutto Android, oltre che sicuramente più conosciuta ed utilizzata dalla gran parte degli utenti. L’aggiornamento comunque è disponibile anche per la versione iOS e, a quanto pare, la funzione è già attiva in diversi Paesi, tra cui ovviamente l’Italia. Se siete preoccupati per gli aspetti sanitari potete tranquillizzarvi: secondo gli esperti, metodi convenzionali di cottura e sterilizzazione degli alimenti uccidono il Coronavirus e che è possibile ordinare alimenti senza problemi di salute.

Usare la nuova funzione è molto semplice. Aprendo l’app infatti noteremo i due nuovi pulsanti Asporto e A domicilio, direttamente sotto la barra di ricerca. Cliccando su uno dei due visualizzeremo la classica schermata di Maps con le schede sintetiche delle varie attività, accompagnate da una foto illustrativa. organizzate per distanza, a partire dai luoghi più vicini. Come già accaduto in altri servizi Google, come ad esempio Search e YouTube, in fondo c’è anche un banner dedicato all’emergenza da Coronavirus, che rimanda alle ultime informazioni sul COVID-19.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Xiaomi Mi Air 2S TWS, ufficiali i nuovi auricolari con autonomia fino a 24 ore

next
Articolo Successivo

Amazon Music, la musica in streaming diventa gratuita per tutti

next