In queste giornate di #coronavirus sono apparsi i #patatinipicipoci, la nuova frontiera dell’efficientismo di facciata e dell’iperattivismo non richiesto, però quasi.

Figlio del benessere global tipico del ciabattonismo no-global, ma anche consumatori e consumamucche di sorsi di “Amaro Montemagno”, il #patatinopicipoci continua come sempre a correre, a fare attività fisica in casa (il più figo ha comprato una cyclette), a mangiare sano, a bere nella borraccia di alluminio, a fare acquisti bio e si sveglia presto, molto presto.

Ovviamente svolge una professione inutile gestibile anche attraverso lo #smartworking e si diletta in innumerevoli #call e se interpellato ti dirà “non ho mai lavorato tanto come in questo periodo”.

Se genitore, il suo rapporto coi figli è fantastico e ogni giorno insieme a tutta la famiglia cucina delle prelibatezze che vengono fotografate (foto bellissime, ultra curate) e postate su #instagram, guarda cartoni animati, serie tv (in lingua originale) e aiuta i bambini a fare i compiti e a gestire le piattaforme di e-learning, magari collaborando con gli insegnanti meno avvezzi a maneggiare questi strumenti del futuro.

Il #patatinopicipoci approfitta di questo periodo irripetibile per leggere due libri al giorno, partecipare a #webinar, tenere un diario (o un blog), informarsi sulla grave situazione in Siria e firmare appelli online con hashtag #iorestoacasa, #andràtuttobene e #coronavirusbrutto.

Il #patatinopicipoci ha riscoperto i valori dell’amicizia ed è in contatto con tutti i suoi amici, tutti i suoi parenti, tutti i suoi genitori e confida di poter tornare a vivere come prima in tempi brevi, sognando un’estate al mare con spiagge poco affollate, tutti a un metro di distanza, sdraiati sui lettini ad aggiornare i social in attesa di un nuovo rinascimento digitale guidato dai #makers e dall’invenzione del teletrasporto all’amuchina.

Il #patatinopicipoci raramente è colpito (lui o i suoi cari) dal dramma della #pandemia e vive questa situazione come un giocoso #videogame di iperconnessione consumistica. Raramente va a fare la #spesa, ma ha una mascherina fighissima.

In sintesi: Il #patatinopicipoci è un cretino.

Ps. Se nelle tue amicizie social sai di averne qualcuno, clicca sul prezioso pulsante “smetti di seguire”. Sarà bellissimo.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, i bambini sono i più vulnerabili e vanno ascoltati: non capire spaventa

next
Articolo Successivo

Coronavirus, le uscite coi bimbi per me sono un rischio enorme. Non è bastato l’errore di #milanononsiferma

next