Cambiamenti in arrivo per quanto riguarda le forniture di luce e gas: come riportato da un articolo di Immobiliare.it, a partire dal 1° gennaio 2022 termineranno i servizi di tutela nell’ambito dell’energia e si passerà al mercato libero.

Che cos’è la maggior tutela?

Quando si parla di regime di maggior tutela ci si riferisce ad agevolazioni nei prezzi, che li avvicinano alle condizioni che si registrano nel mercato all’ingrosso. I costi ridotti sono riferiti però solamente alla materia prima e non anche ai servizi aggiuntivi. Questi ultimi sono invece compresi nel libero mercato.

Come avviene il passaggio?

Una volta individuato il nuovo fornitore, si potrà effettuare il passaggio. Sarà lo stesso operatore a inoltrare la richiesta di chiusura del contratto al venditore precedente. Già a partire dal 2018, comunque, i clienti interessati da questa procedura stanno ricevendo in bolletta un’informativa che illustra il superamento del regime di maggior tutela e l’arrivo del mercato libero.

Non ho ancora scelto: cosa rischio?

La prima cosa da sapere è che non è prevista nessuna interruzione delle forniture. Chi non ha ancora preso una decisione non incontrerà problemi di alcun tipo, né eventuali penalizzazioni. Non c’è dunque alcun motivo per preoccuparsi, poiché i servizi saranno garantiti fino a quando non si sarà trovata la soluzione che si ritiene migliore per le proprie esigenze.

Assistenza per gli indecisi

A partire da gennaio 2022 sarà attivato un servizio di salvaguardia al quale verranno assegnati i clienti ancora indecisi. Il meccanismo sarà quello delle aste, il cui funzionamento deve essere ancora chiarito nel dettaglio. Rimane quindi ancora tempo per potersi informare e valutare l’offerta più conveniente: lo si può fare consultando il portale Offerte dell’Arera o chiamando lo sportello dedicato.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Settore retail: il mercato immobiliare si confronta con il digitale

next
Articolo Successivo

Sostenibilità: la casa ecologica sarà costruita in legno

next