È già un dramma quello emerso venerdì all’Istituto ricerca e cura a carattere scientifico (Irccs) Oasi Maria Santissima di Troina, dove ci sono 70 persone contagiate dal Covid-19: 45 ospiti della struttura che assiste disabili mentali gravi e 25 operatori.

Lo afferma il sindaco del paese dell’Ennese, Fabio Venezia, che è “in contatto con il personale sanitario dell’esercito che arriverà domani per una prima valutazione della situazione, cui seguirà, nei giorni successivi, quello degli aiuti necessari per poter intervenire prontamente”.

Nella mattinata di venerdì il commissario Giuseppe Murolo, il responsabile del Comitato per l’emergenza Covid-19 in Sicilia Antonio Candela ed il direttore scientifico dell’Istituto Neurolesi Bonino Pulejo, Dino Bramanti, si sono recati sul posto per “monitorare e coordinare ulteriori azioni di prevenzione e coordinamento”.

Il presidente della Regione, Nello Musumeci e il sindaco della cittadina ennese, Fabio Venezia non hanno escluso l’ipotesi di dichiarare Troina zona rossa. L’eventuale decisione verrà assunta dopo la relazione degli esperti e in seguito ai risultati sui nuovi tamponi effettuati.

All’Irccs di Troina sono ricoverati circa 160 disabili, 20 dei quali già contagiati e molti altri, con gravi sintomi, in attesa dei tamponi di conferma. Per la loro assistenza, 24 ore su 24, sono impiegati circa 130 operatori tra medici, infermieri e altro personale. Tredici dipendenti sono rimasti contagiati e per altri 36 si attendono i risultati.

Nei giorni scorsi, la Regione Siciliana ha nominato Giuseppe Murolo, dirigente dell’assessorato alla Salute, quale commissario regionale per l’emergenza sanitaria presso l’Istituto Oasi Maria Santissima di Troina, dove si sono registrati casi di contagio.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Morto il giornalista Massimo Vincenzi, firma di Repubblica e La Stampa. Il ricordo: “Una vita troppo breve, vissuta a perdifiato”

next