L’epidemia di Coronavirus sta costringendo tutti noi a stare molto più tempo in casa e a cambiare abitudini, lavorative e di vita. Se avete bisogno di un notebook per lo smartworking, per far studiare da casa i vostri figli e, perché no, per svagarvi di tanto in tanto con qualche videogioco, Asus VivoBook Pro N580GD-DM605T è la soluzione che fa per voi. Oggi poi è disponibile su Amazon con uno sconto del 17%, che fa scendere il prezzo da 1399 a 1159 euro, con un risparmio di 240 euro.

Si tratta di un portatile sottile e leggero, originariamente pensato per la produttività in mobilità, ma che può tornare molto comodo anche per quella domestica, consentendo senza sforzo ad esempio di spostarsi da una stanza all’altra di casa, all’occorrenza.

Dotato di un’elegante scocca in alluminio, con spessore massimo di 19,2 mm, il VivoBook offre un display LCD da 15,6 pollici con risoluzione UHD 4K con angolo di visione di ben 178° e gamma colore pari al 72% di quella NTSC e al 100% di quella sRGB, offrendo così un’ottima qualità anche per chi lavora con le immagini.

Il cuore del VivoBook Pro 15 è il processore Intel di ottava generazione Core i7-8750HQ, affiancato da 16 GB di veloci RAM DDR4, che consente un buon multitasking o l’uso di programmi anche piuttosto pesanti, affiancato da un comparto storage affidato a un capace hard disk da 1 TB e da un veloce disco a stato solido da 512 GB. A completare il tutto troviamo poi una scheda grafica dedicata di fascia media, la Nvidia GeForce GTX 1050 che, assieme al monitor di ottima qualità e all’impianto audio co-sviluppato da Harman Kardon, assicurano anche di poter giocare con gli ultimi titoli videoludici, a patto ovviamente di accettare qualche compromesso per la qualità della grafica.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

YouTube, su iOS e Android arrivano i testi delle canzoni

next
Articolo Successivo

Tidal, il servizio di streaming musicale offre concerti gratis per chi è a casa

next