Una buona notizia per chi ama la musica e in queste ore è bloccato come tutti noi a casa a causa del Coronavirus: su YouTube sono finalmente arrivati i testi delle canzoni. Almeno ora potrete occupare parte del vostro tempo cantando sui vostri brani preferiti come in un piccolo karaoke privato, da soli o con i cari che vi fanno compagnia.

Sia l’app mobile per Android che per Apple iOS in queste ore ha iniziato a mostrare la funzione. Il roll out comunque come sempre durerà diversi giorni o alcune settimane ed è attivato lato server direttamente da Google. Niente paura dunque se non trovate la funzione anche dopo aver aggiornato l’app all’ultima versione disponibile.

I fortunati già raggiunti dall’attivazione comunque potranno usufruire della funzione facilmente, in quanto troveranno semplicemente una sezione Testo in calce al video, dopo le informazioni già riportate attualmente. Per attivarla basterà premere sulla piccola i che dovrebbe comparire sulla sinistra. La funzione sembra essere del tutto identica a quella già offerta da altri servizi analoghi di streaming audio come ad esempio Apple Music o Spotify ma prevede un testo delle canzoni completamente statico, che non scorre cioè in sincrono con l’avanzamento della canzone. Per leggerlo quindi non vi resta che scorrerlo manualmente. Il servizio è offerto da LyricFind.

Il servizio stesso comunque è aggiornato ogni giorno, per cui questa situazione potrà cambiare in futuro. Attualmente inoltre non tutti i testi sono supportati e la funzione giungerà sulla versione Web di YouTube solo in un secondo momento. Insomma, bisognerà pazientare ancora un po’ ma la nuova funzione supporterà un numero crescente di canzoni.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore

RIVOLUZIONE YOUTUBER

di Andrea Amato e Matteo Maffucci 14€ Acquista
Articolo Precedente

Coronavirus, anche la NASA mette a disposizione la capacità di calcolo dei propri supercomputer

next
Articolo Successivo

Asus VivoBook Pro N580GD-DM605T, notebook da 15,6 pollici perfetto per produttività e gioco, su Amazon con sconto del 17%

next