“Per la prima volta, dalla fine del secondo conflitto mondiale, siamo stati costretti a limitare delle libertà fondamentali“. Lo ha detto l premier Giuseppe Conte nel corso dell’informativa alla Camera dedicata all’emergenza sanitaria. “I principi a quali ci siamo attenuti sono stati quelli della massima precauzione ma anche dell’adeguatezza e della proporzionalità dell’intervento rispetto all’obiettivo. E questa è la ragione della gradualità delle misure adottate”

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Conte: “Altri Stati adottino precauzioni rigorose o rischiamo la iattura di un contagio di ritorno”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, Boschi: “Non ora, ma un giorno dovremo accertare perché nella provincia di Bergamo non c’è stata subito la zona rossa”

next