Una scena da esodo estivo, con centinaia di auto incolonnate in attesa di prendere il traghetto per Messina dopo i blocchi ai treni notturni e le restrizioni alle partenze dei voli da Nord a Sud. È quanto successo nella giornata di domenica a Villa San Giovanni, in Calabria, dove dopo la diffusione dell’ultimo provvedimento preso dai ministeri della Salute e degli Interni che vieta di lasciare il comune in cui ci si trova per contenere i contagi di coronavirus e poi del dpcm del presidente del Consiglio sulla chiusura delle attività non essenziali, moltissime persone sono accorse all’imbarcadero per prendere i traghetti privati per la Sicilia.

A lanciare l’allarme sulla nuova, ennesima ondata di partenze, è stato nella tarda serata di domenica il governatore siciliano Nello Musumeci: “Mi segnalano appena adesso che a Messina stanno sbarcando dalla Calabria molte persone non autorizzate”, ha scritto su Facebook pubblicando una foto delle macchine incolonnate. “Non è possibile e non accetto che questo accada. Ho chiesto al prefetto di intervenire immediatamente. C’è un decreto del ministro delle Infrastrutture e del ministro della Salute che lo impedisce. Pretendo che quell’ordine venga rispettato e che vengano effettuati maggiori controlli alla partenza. Il governo nazionale intervenga perché noi siciliani non siamo carne da macello“. Anche il segretario generale del sindacato Orsa, Mariano Massaro, si è unito alla denuncia del governatore: “Stiamo parlando di numeri importanti, centinaia di automobili in marcia verso la Sicilia che secondo i molteplici i decreti del governo centrale e le ordinanze del presidente della Regione, dovrebbe essere abbondantemente blindata”.

Poi nella notte la svolta: “Ho appena avuto conferma dalla prefettura di Messina che saranno ulteriormente intensificati i controlli sullo Stretto – ha annunciato Musumeci -. Possono passare, alla luce del provvedimento nazionale, solo i pendolari che svolgono servizio pubblico, come sanitari, forze armate e di polizia. Basta. Stiamo facendo sacrifici enormi e bisogna dare certezze a tutti i cittadini che questa fase è seguita con impegno”.

Stanno funzionando invece i controlli alle partenze dalla stazione Centrale di Milano dove solo nella giornata di domenica sono stati respinti 120 passeggeri pronti a salire sui treni diretti al Sud, in particolare i due Frecciarossa per Napoli e Salerno delle 16.40 e delle 17.10. Niente a che vedere con le scene da psicosi che si sono verificate l’8 marzo scorso, quando si diffuse l’informazione dei primi divieti in uscita dalla Lombardia: in totale erano 170 le persone che avevano una prenotazione ma di queste solo 50 avevano una comprovate e reali esigenze di lasciare il capoluogo lombardo, come accertato dalla Polfer.

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, diretta – Conte: “Stretta su aziende necessarie al Nord e preventive al Sud. Spero che lo stop sia breve”. I metalmeccanici scioperano per chiedere la chiusura degli impianti non essenziali

next
Articolo Successivo

Coronavirus, due medici morti. La Fondazione Gimbe: “I professionisti sanitari contagiati sono 4824, fare più tamponi”

next