Omicidio in famiglia in una abitazione alla periferia di Roma. Nella notte fra sabato e domenica un ventenne ha ucciso la madre colpendola più volte al collo con un coltello da cucina, fino a decapitarla. Il giovane ha poi aggredito la sorella 15enne che si è riuscita a rifugiarsi dai vicini di casa e ha dato l’allarme al 112. Sono in corso accertamenti per verificare se l’assassino sia affetto da problemi psichici. La vittima aveva 46 anni.

La lite da cui tutto è scaturito sembra essere legata alla separazione dei genitori. Quando i carabinieri sono arrivati sul posto, allertati dai vicini, il ventenne ha aperto la porta dell’abitazione in stato confusionale e ancora sporco di sangue mentre il corpo della madre era in salone. Il giovane è stato arrestato e trasportato al carcere di Regina Coeli.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Brindisi, uccide la madre dopo un litigio con un coltello a serramanico: arrestato un 23enne

next
Articolo Successivo

Messina, strangola la compagna e chiama i carabinieri: fermato mentre tentava il suicidio

next