Come è gestita nelle vostre città l’emergenza Coronavirus? Come si comportano le autorità e i cittadini? E nelle vostre vite, c’è qualche aspetto positivo o inatteso nell’isolamento forzato? Abbiamo chiesto ai nostri Sostenitori di raccontarcelo, inviando testimonianze, osservazioni e spunti per la redazione al Blog Sostenitore. Mai come stavolta il contributo della nostra comunità è fondamentale: con il Paese in zona rossa, ogni segnalazione è importante. Abbiamo bisogno di voi. Sosteneteci: se non siete ancora iscritti, ecco come potete farlo.

di Fabio Coglitore, infermiere

Cari lettori,
Con mio grande rammarico, devo constatare come troppa gente non abbia ancora capito la gravità della situazione. Vi farò quindi un esempio pratico, reale, raccontandovi la vita attuale di colleghi impegnati negli ospedali di Fidenza, in provincia di Parma.

Arrivano in ospedale già stanchi, perché la maggior parte di loro fa doppi turni e salta riposi anche per due settimane consecutive; per tutto il turno resteranno con maschere, tuta protettiva, occhiali e guanti (che provocano un caldo infernale, lesioni della pelle ed ematomi).

I ritmi sono sostenuti e incessanti per (se va bene) otto ore, senza pause, senza possibilità di bere o mangiare, senza poter fermarsi per fare pipì.

A fine turno, vanno nello spogliatoio stanchi, sudati e deboli; uscendo poi, passano di fronte all’obitorio e alla cappella dell’ospedale, strapiena di bare. Tornano a casa senza voglia di mangiare e all’improvviso scoppiano in pianti interminabili in un angolo.

A letto, stremati, dormono male e poco, perché hanno paura, perché, sempre più spesso, tra i pazienti trovano pure qualche collega, che ha combattuto al loro fianco, ma al virus questo poco importa.

Ieri la fondazione Gimbe ha pubblicato un rapporto in cui si legge che l’otto per cento dei contagiati totali in Italia sono operatori sanitari, 2629 persone.

Lo so, a voi sembra una tortura stare a casa, essere privati anche di piccoli momenti quotidiani. Ma loro, e altre migliaia di colleghi, scendono all’inferno ogni giorno con un rischio altissimo.

Vi prego, state a casa.

Il blog Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.it, sottoscrivendo l’abbonamento Sostenitore e diventando membri del Fatto social club. Tra i post inviati Peter Gomez e la redazione selezioneranno quelli ritenuti più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio. Se vuoi partecipare sottoscrivi un abbonamento volontario. Potrai così anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione, mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee, sceglierai le inchieste che verranno realizzate dai nostri giornalisti e avrai accesso all’intero archivio cartaceo.
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Coronavirus, appello della Protezione civile: “Non abbandonate i cani, non è dimostrata possibilità di diffusione del contagio”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, in Lombardia pazienti Covid in Residenze per anziani. Sindacati: “Non è soluzione: non hanno spazi e mascherine”

next