Anche Cristiano Ronaldo fa la sua parte nella lotta mediatica contro il coronavirus, come molti vip che negli ultimi giorni hanno organizzato raccolte fondi o si sono spesi per sensibilizzare la popolazione. Ma non è vero che, come aveva riportato in mattinata il quotidiano spagnolo Marca, il campione portoghese ha messo a disposizione i suoi hotel affinché siano trasformati in ospedali gratuiti per fronteggiare l’emergenza.

La notizia era stata lanciata da Arena Desportiva, ma Paula Carvalho, presidente dell’associazione “Essencia Humana” citata nell’articolo, ha smentito ogni coinvolgimento. Anche il gruppo Pestana, che gestisce la catena di alberghi di Cr7, ha negato tutto. Secondo le prime (false) notizie, Ronaldo avrebbe pagato con i suoi soldi tutti i medici e gli operatori sanitari che avrebbero lavorato nelle strutture, con l’obiettivo di convertirle al più presto in ospedali pienamente attrezzati e accessibili a tutti.

Una fake news, dunque, che ha colto all’insaputa Ronaldo, in quarantena nell’isola natale di Madeira. Il campione nei giorni scorsi aveva manifestato la sua vicinanza a tutti quelli colpiti dalla malattia. Su Instagram aveva espresso “solidarietà a chi in questi giorni sta combattendo contro il virus” e aveva invitato tutti a “seguire i consigli dell’Organizzazione Mondiale della Sanità e dei governi di ogni Paese. Parlo da figlio, padre e semplice essere umano preoccupato per gli sviluppi che tutto il mondo sta affrontando in questi giorni”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pantofola d’oro, Ferrari, Valsport, Tepa: quando i calciatori della Serie A calzavano il made in Italy

next
Articolo Successivo

Coronavirus, una domanda ai padroni del pallone: ma è proprio necessario provare a salvare una stagione ormai compromessa?

next