Ad aprile l’Inps verserà a circa 2,8 milioni di pensionati la rivalutazione piena degli assegni compresi tra tre e quattro volte il trattamento minimo – tra i 1.539 e i 2.052 euro – insieme agli arretrati maturati da gennaio a marzo.

La novità è stata introdotta dall’ultima legge di Bilancio, che ha innalzato al 100% l‘indicizzazione anche per quella fascia. Il pagamento della pensione sarà effettuato, come da calendario, il primo giorno bancabile del mese, quindi mercoledì primo aprile 2020, specifica l’Inps.

L’aumento degli assegni tra tre e quattro volte il minimo sarà di 79 euro l’anno invece dei 76 ottenuti nel 2019.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, i sindacati: “Stop fino al 22 per sanificare le fabbriche oppure sciopero”. Ma per gli industriali lombardi sono “irresponsabili che strumentalizzano”. Conte convoca tutti venerdì mattina

next