È della Juve il derby d’Italia nello Stadium vuoto, con i bianconeri che battono per 2 a 0 l’Inter e tornano primi in classifica. Ma è davvero difficile, a prescindere dalla retorica del clima surreale, da tirar fuori ad ogni gara a porte chiuse, raccontare una sfida scudetto, la più classica delle sfide scudetto, a partire dal sottofondo sonoro delle partite di calcetto di periferia. Tra le urla isolate, le voci riconoscibili, i “mia”, “tienila”, “uomo” che si distinguono e un serpeggiante clima da “ultima prima del disastro imminente” che fa venir meno, o in ogni caso smorza sensibilmente, pure le polemiche, altro grande classico del derby d’Italia. E sì, se non l’ultima, Juve-Inter con tutta probabilità è stata la penultima di questa Serie A: c’è Sassuolo-Brescia domani e poi chissà, ma che si giochi ancora, porte chiuse o meno, pare difficilissimo.

La partita dunque: per quasi un’ora l’Inter si fa preferire, mettendo spesso in difficoltà la Juve che però, al solito, chiude bene. Tra i bianconeri pare che il Lione abbia segnato la tappa definitiva del processo di rigetto del “sarrismo” come l’abbiamo conosciuto a Empoli, Napoli e Londra, tant’è che lo stesso Sarri già in formazione sembra rinunciare al palleggio, togliendo Pjanic e inserendo Bentancur e Matuidi, con Ramsey. Nessuno dei tre “palleggia”. E infatti la Juve per tutto il primo tempo e per i primi dieci minuti del secondo fa pochissimo possesso: si difende e prova a ripartire.

L’Inter non sfonda, gioca bene con Candreva e il centrocampo muscolare allestito da Conte, ma Lukaku e gli altri sbattono sul muro costruito da Bonucci e De Ligt. Neppure con la soluzione da fuori, che i nerazzurri provano spesso, riescono a trovare il gol, pur mantenendo il pallino del gioco e a tratti chiudendo i bianconeri in area.

Poi la partita cambia: l’Inter perde una brutta palla, la Juve ci costruisce su un’azione un po’ confusa e Ramsey in mischia la butta dentro. E da qui una brutta Juve cambia radicalmente: ricompare il palleggio fin lì inesistente e arriva il raddoppio con una meravigliosa azione. Dybala aggancia d’esterno un lancio lungo, mandando fuori il marcatore Young, poi duetta con Ramsey e entrando in area dribbla il difensore e la manda all’angolo con un tocco d’esterno. Una delizia, per avere più rimpianti in caso di lunga pausa e allo stesso tempo per congedarsi dal calcio con dolcezza qualora l’eventualità dello stop si verifichi come sembra.

Per l’Inter è una mazzata: la squadra perde fiducia e cala, non creando più pericoli alla Juve. Ma la mazzata vera arriva dalla classifica: i nerazzurri, pur con una partita in meno, vanno a nove punti dalla Juve, otto dalla Lazio. La sensazione è che siano fuori dalla lotta scudetto. Per i bianconeri è invece una vittoria importante: i nerazzurri sono a distanza e la Lazio, pur sorprendente e bella da vedere, alla lunga distanza ha qualcosa in meno in termini di organico. E dunque, la corsa scudetto ad oggi è tra Juve e Lazio, al netto di ciò che accadrà domani.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Stadio Fiorentina, Commisso: “Noi fuori dal bando per l’area Mercafir”. Nardella: “Grande dispiacere”. Proposta di legge per il restyling

next
Articolo Successivo

Juventus-Inter 2-0, non si sa se il campionato finirà ma di sicuro a vincerlo non sarà Conte

next