È il paese con il maggior numero di contagi da coronavirus nel Bresciano e nelle ultime 12 ore si sono registrati 4 decessi, portando a cinque il numero totale delle vittime da quando è iniziata l’epidemia. Tanto da spingere il sindaco a deliberare “misure straordinarie”. Orzinuovi si auto-organizza in una sorta di “zona rossa” per affrontare i 19 casi accertati di Covid-19 e rispondere a quanto avvenuto tra il pomeriggio di mercoledì e la mattina di giovedì.

Sono stati quattro, infatti, le persone decedute a causa del contagio. L’ultima è una donna di 90 anni, mentre poche ore prima era morto un 69enne che, come in altri due casi, frequentava uno dei bar del paese. Le sue condizioni di salute, prima del contagio da coronavirus, sarebbero state buone. In precedenza erano decedute anche una persona di 80 e una di 82 anni.

La crescita dei casi e dei contagi nel paese di 12mila abitanti ha spinto la giunta comunale a deliberare misure straordinarie: il sindaco e senatore Giampietro Maffoni ha disposto la chiusura totale del mercato previsto per la giornata di venerdì, anche quello del fieno che vede la partecipazione di commercianti che arrivano da Crema, Cremona e Lodi. “Il rischio concreto che i numeri non siano definitivi c’è”, ha spiegato Maffoni.

È stata anche disposta la sanificazione di tutti gli ambienti comunali del paese. E il primo cittadino inviterà, perché al momento non può fare ordinanze, i gestori di locali pubblici come i bar e pizzerie da asporto, a chiudere – o quantomeno a ridurre l’orario di apertura – fino al prossimo lunedì. In provincia di Brescia, in totale, si contano 11 vittime dall’inizio dell’epidemia.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, le buone prassi: il volantino del ministero della Salute

next