La modalità scura è finalmente disponibile su WhatsApp per tutti gli utenti, sia per il sistema operativo Apple iOS che per Google Android. Dopo una lunghissima fase di betatesting, durata alcune settimane, il team di sviluppo si è così finalmente deciso ad aggiornare le app ufficiali, introducendo una modalità da tempo richiesta a gran voce da tutti gli utenti.

Il tema scuro, oltre a essere più elegante, è anche molto più funzionale, perché consente di diminuire il consumo energetico su tutti gli smartphone dotati di display di tipo OLED. Questi ultimi infatti per riprodurre il nero spengono realmente i pixel dell’area corrispondente, consumando quindi molto meno rispetto ai normali LCD, la cui retroilluminazione resta attiva.

“Nel progettare la modalità scura ci siamo concentrati su due aspetti in particolare: Leggibilità, in quanto nella scelta dei colori, abbiamo puntato a ridurre al minimo l’affaticamento degli occhi usando colori il più simile possibile a quelli predefiniti delle rispettive piattaforme di iPhone e Android; Gerarchia visiva delle informazioni, in quanto abbiamo voluto fornire agli utenti una visione più immediata delle informazioni sullo schermo usando colori e altri elementi grafici in grado di mettere in risalto quelle più importanti”, si legge sul blog ufficiale di WhatsApp.

Il tema è comunque disabilitato per impostazione predefinita. Gli utenti che volessero attivarlo dovranno recarsi in Impostazioni, selezionare Chat, Tema e scegliere l’impostazione Scuro. Chi ha Android 10 o iOS 13 potrebbero avere il tema già attivato di default se hanno abilitato la modalità scura nelle impostazioni del dispositivo, mentre chi non l’ha fatto o ha un sistema operativo precedente dovrà procedere manualmente come spiegato. Se ancora non avete ricevuto l’aggiornamento o non riuscite a trovarlo non vi preoccupate, nel giro di alcune ore sarà disponibile a livello globale.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, New York Times: “In Cina una app impone le quarantena ai cittadini usando i loro dati personali”

next
Articolo Successivo

Ctronics, telecamera di videosorveglianza wireless a batteria, in offerta su Amazon con sconto del 40%

next