Dreams, ultima fatica dello studio Media Molecule – autori di Little Big Planet e Tearaway -, è un progetto complesso che si fa carico di essere qualcosa di più di un semplice gioco, si evolve nel passo successivo, mettendo a disposizione di tutti i possessori di PS4 un “tool” estremamente potente che permetterà la creazione dei vostri sogni videoludici.

Dreams si divide in due parti il Viaggio tra i Sogni e la Creazione Onirica, la prima vi permette di esplorare tutto quello che la community di Dreams ha creato durante questo anno di Early Access, mettendo a vostra disposizione un numero sconfinato di mondi e livelli da provare, tutti diversi tra loro, non solo per le meccaniche ma anche per la grafica scelta o per l’ambientazione, offrendo la possibilità di giocare livelli ispirati a qualsivoglia film, anime, videogioco oppure di imbattersi in sogni totalmente unici, che riflettono la voglia di creare di una community sconfinata, attiva e estremamente prolifica; abbiamo provato a cercare qualunque parola ci venisse in mente per più di un ora e la ricerca di Dreams ci restituiva sempre qualcosa, da Evangelion a Twin Peaks fino ad arrivare a Metal Gear Solid, i sogni erano presenti e vivissimi nel motore di ricerca interno.

La seconda fase, quella della Creazione Onirica è la naturale evoluzione della prima, perché dopo aver navigato per cosi tanto tempo nei sogni degli altri giocatori viene voglia di crearne uno proprio, e tramite una serie di meccaniche perfettamente spiegate da vari tutorial potrete mettere le mani sulla creazione di piccole scene animate fino alla creazione di veri e propri giochi, con la modellazione di ambienti, di personaggi, di musica e quindi di colonne sonore, per quello che sarà il VOSTRO sogno; data vita alla propria creatura si può condividerla sulla Community mettendola a disposizione di tutti i giocatori, decidendo se modificabile o meno e come in un qualsiasi social ricevere follow e like.

L’idea della condivisione attraverso una community porta con se non solo lo scambio di idee tra giocatori ma anche eventi a tema, che premiano gli artisti più bravi e impegnati durante quel lasso di tempo, insomma Dreams tende a dare sempre nuovi spunti di creazione a chi gli concedere più di qualche ora, dando un assaggio di cosa significhi essere un modellatore 3D, un game designer, un programmatore.

Siamo assolutamente certi che la strada tracciata da Media Molecule sia quella giusta per dare una boccata di aria fresca a un mercato che troppo spesso si perde nel suo ripetere, e chissà se tra questi sogni non ci sia il vero futuro dei videogiochi?

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vivo Apex 2020, il concept-phone avveniristico che usa le tecnologie di domani

next
Articolo Successivo

Amazon Kindle, lettore ebook con luce anteriore scontato del 25% su Amazon

next