I nostri paesini non sono mai stati così popolati. Mai viste così tante persone in giro a piedi, in bicicletta, in pieno inverno. Non è l’estate in anticipo, ma la quarantena che ha svuotato scuole, uffici e aziende del nostro territorio, oltre che i treni e i bus su cui viaggiano migliaia di pendolari.

Da tutta questa esperienza riusciremo anche a ricavare qualcosa di positivo? Forse sì. La nostra comunità ne uscirà rafforzata; le iniziative di volontari, professionisti, cittadini di ogni tipo sembra andare proprio in questa direzione. C’è chi si occupa degli anziani soli, ci sono gli insegnanti che organizzano lezioni in streaming per i propri alunni; e il gruppo di lettura di una cara amica che pur di non rinunciare agli incontri con i bambini (da sabato alle 11.30) si trasferisce su Radio Codogno, perché “se i bimbi non possono andare alle letture, le letture andranno dai bimbi!”.

Questa è una comunità operosa, organizzata, instancabile. Ci riprenderemo sicuramente. Ma avremo bisogno di un po’ di aiuto, reale, non solo di parole.

Prevedo che diventeremo il terreno ideale per le scorribande politiche di chi è sempre in campagna elettorale, di chi diventa più forte quando il cittadino è più stanco e incazzato. Spero di non assistere a spettacoli pietosi nelle nostre piazze.

In tutto questo le nostre vite “in pausa” continuano, siamo ormai a metà di un percorso obbligato e che non abbiamo scelto. Abbiamo una nuova quotidianità, in cui riusciamo ormai a incastrare il tempo dedicato alle esigenze dei più piccoli (che è sempre tanto), la casa e anche il lavoro.

Che poi forse tante aziende si renderanno conto che il telelavoro non è poi così male, che si può essere produttivi anche da casa e che lo smartworking permette di viaggiare e inquinare meno, oltre che di far circolare meno virus…

Chissà i miei concittadini come saranno riaccolti sul posto di lavoro! Da untori, da eroi… Si potrebbe aprire un gruppo su Facebook per condividere le proprie esperienze, perché ne sono certa: se ne sentiranno e se ne vedranno di tutti i colori!

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, l’infettivologo Galli: “Situazione non facile, scordiamoci soluzione rapida. È fondamentale ridurre i contagi”

next