Secondo la Corte costituzionale, i ricorsi di Lega-Fi-Fdi sulle modalità di approvazione del disegno di legge di bilancio 2020 sono inammissibili. Per i giudici della Consulta non sono emerse “gravi e manifeste violazioni delle prerogative parlamentari fatte valere nei conflitti”. A dicembre scorso era stato lo stesso Matteo Salvini a denunciare la compressione dei tempi di discussione del disegno di legge alla Camera e ad annunciare il ricorso.

Il centrodestra aveva protestato per la decisione del governo di mettere la fiducia sul testo e sul poco tempo concesso all’Aula e alle opposizioni. L’anno precedente erano stati 37 deputati del Partito democratico a fare ricorso alla Consulta contestando la stessa modalità di approvazione della manovra. Solo che in quell’occasione al governo c’era proprio il Carroccio. E anche in quel caso, la Corte costituzionale aveva stabilito che il ricorso fosse inammissibile.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Intercettazioni, l’umorismo da osteria del deputato leghista: “Il governo sta andando a tro… a trojan”

next