Secondo la Corte costituzionale, i ricorsi di Lega-Fi-Fdi sulle modalità di approvazione del disegno di legge di bilancio 2020 sono inammissibili. Per i giudici della Consulta non sono emerse “gravi e manifeste violazioni delle prerogative parlamentari fatte valere nei conflitti”. A dicembre scorso era stato lo stesso Matteo Salvini a denunciare la compressione dei tempi di discussione del disegno di legge alla Camera e ad annunciare il ricorso.

Il centrodestra aveva protestato per la decisione del governo di mettere la fiducia sul testo e sul poco tempo concesso all’Aula e alle opposizioni. L’anno precedente erano stati 37 deputati del Partito democratico a fare ricorso alla Consulta contestando la stessa modalità di approvazione della manovra. Solo che in quell’occasione al governo c’era proprio il Carroccio. E anche in quel caso, la Corte costituzionale aveva stabilito che il ricorso fosse inammissibile.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Intercettazioni, l’umorismo da osteria del deputato leghista: “Il governo sta andando a tro… a trojan”

next