“In questo momento non c’è nessun candidato mi sembra. Se non c’è un candidato che unisce in primis le sigle politiche non vedo come noi possiamo essere attirati”, così Mattia Santori, il leader delle Sardine a margine dell’evento organizzato dal movimento in piazza Dante a Napoli. “Accettare l’invito di De Luca ora? Sarebbe una sorta di legittimazione della sua figura. Gli abbiamo chiesto non un passo indietro o nel burrone, ma un passo di lato per capire se oltre a lui ci sono candidature che riescono a unire una coalizione di centrosinistra che in questo momento non si sta unendo attorno alla sua figura”, continua Santori, ribadendo quanto scritto in una nota delle Sardine martedì pomeriggio nella quale l’attuale governatore veniva definito “divisivo”. E sulle proposte del movimento, Santori risponde: “Più che sui nomi le sardine campane stanno lavorando sui temi. La piazza era vuota? Beh, il tema del lavoro è meno sexy dell’antisalvinismo e questa è una critica che dobbiamo farci in quanto elettori”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Renzi a Conte: “Presidente, al Consiglio europeo ci rappresenta appieno. Divisioni in politica continentale non sono ammesse”

next
Articolo Successivo

Conte-Renzi, sfida a distanza: “Dica cosa vuole fare”. “Lei in Ue ci rappresenta”. Ma il governo è appeso all’intervista tv dell’ex premier

next