Anche Nicola Zingaretti invita tutti a mobilitarsi per chiedere la liberazione di Patrick George Zaki, lo studente egiziano dell’università di Bologna arrestato il 7 febbraio all’aeroporto del Cairo con l’accusa, tra le altre, di “tentativo di rovesciamento del regime”. Lo fa aderendo all’iniziativa dei presidenti dei Municipi romani di centrosinistra che hanno organizzato una fiaccolata per giovedì 20 febbraio, alle 18.30, in piazza del Pantheon: “Roma con Zaky. Aderisco all’iniziativa dei presidenti dei Municipi del centrosinistra. Mobilitiamoci per la sua liberazione!”, ha scritto il segretario del Pd su Twitter.

La decisione è stata comunicata con una nota congiunta firmata da Sabrina Alfonsi (presidente del municipio I), Francesca del Bello (municipio II), Giovanni Caudo (municipio III) e Amedeo Ciaccheri (municipio VIII) ed è stata presa dopo che, sabato, il tribunale del riesame di Mansura ha respinto la richiesta di scarcerazione presentata dai legali del ragazzo che, adesso, dovrà attendere l’udienza fissata per il 22 febbraio.

Nel documento diffuso dai presidenti dei municipi si leggono le motivazioni dell’iniziativa: “È di qualche ora fa la notizia della decisione del tribunale di Mansura di confermare la permanenza nelle carceri egiziane di Patrick Zaki, lo studente egiziano che si trovava in Italia per frequentare un master all’Università di Bologna, incarcerato in Egitto durante un viaggio nella sua città natale con l’accusa di ‘diffusione di notizie false’, ‘incitamento alla protesta’ e ‘istigazione alla violenza e ai crimini terroristici’. Accuse formulate esclusivamente per il suo lavoro a favore dei diritti umani e per le sue opinioni politiche espresse sui social media. Accuse che lo hanno portato a un arresto preventivo ingiustificato, durante il quale Patrick è stato bendato, picchiato e torturato con scosse elettriche. Come presidenti dei quattro municipi di Roma (I, II, III e VIII) abbiamo aderito alla campagna di Amnesty International e raccolto l’appello a mobilitarci per chiedere alle autorità giudiziarie egiziane il rilascio immediato e senza condizioni di Patrick Zaki. Per questo abbiamo organizzato una fiaccolata in piazza del Pantheon giovedì 20 febbraio alle ore 18.30. Chiediamo a tutte le forze politiche, sociali, agli studenti di venire in piazza e testimoniare la vicinanza a Zaki e la volontà di allontanare la barbarie”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Conte, Palazzo Chigi: “Il premier è impegnato nell’agenda di governo 2023. Anche con Italia viva. Non è alla ricerca di nuove maggioranze”

next
Articolo Successivo

Ravenna, morto l’ex sindaco Pd Fabrizio Matteucci: colpito da un malore a 62 anni

next