“In certi casi si ha davvero l’impressione di avere un governo, perché non so quanti Paesi riuscirebbero a misurare la febbre in 5 giorni a 620mila persone negli aeroporti per l’allarme sul Coronavirus. E lì si vede che c’è uno Stato. In tante altre occasioni, però, non si vede per il solito problema, cioè la politica irrisolta nella maggioranza di governo. E la politica irrisolta, prima o poi, ti chiede il conto”. Sono le parole del deputato di LeU, Pier Luigi Bersani, ospite di Dimartedì (La7).

E sul leader di Italia Viva aggiunge: “Renzi è Renzi. Lui è sempre stato quello lì, cioè uno che ha in testa un programma molto chiaro, che si chiama Renzi. Punto. Il resto viene dopo. Pensa di fare il bene del Paese? Certo, anche gli orologi fermi azzeccano l’ora giusta una volta e, se siamo generosi, due volte”.

Sullo stop alla prescrizione, l’ex segretario del Pd osserva: “Sono 40 anni che noi italiani davanti al mondo ci vergogniamo per la lunghezza e per la farraginosità dei processi e per il meccanismo della prescrizione, che abbuona tanti delinquenti, cosa che nessuno ha in Europa. Adesso si sta mettendo mano sulla durata del processo e si sta cercando di superare il tema della prescrizione. Allora, ragazzi, se dopo due condanne in primo grado e in appello, uno non può più avvalersi della prescrizione, a me sembra il minimo sindacale”.
“Speriamo che cada il governo sulla prescrizione – commenta il direttore responsabile di Libero, Pietro Senaldi – Qualsiasi cosa vale la pena perché cada”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

C'era una volta la Sinistra

di Antonio Padellaro e Silvia Truzzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

La7, lite Brambilla-Cofferati. “Abbiamo il Jobs Act con 20 anni di ritardo per colpa sua”. “Lei imprenditore? Sta molto in tv e poco a lavoro”

next
Articolo Successivo

Renzi, Boschi a Davigo su La7: “No a processi in tv”. “Diritti di libertà servono per dire cose sgradevoli. Per quelle piacevoli ci sono i servi”

next