“Non sospendere la pubblicazione dei compensi” dei dirigenti della Pubblica amministrazione. Con una segnalazione rivolta direttamente al governo e al Parlamento, l’Autorità nazionale anticorruzione chiede di modificare il decreto Milleproroghe, correggendo “imprecisioni e incoerenze che potrebbero dar luogo a notevoli criticità e dubbi interpretativi” in materia di trasparenza. Tutto nasce dal ricorso al Tar del Lazio presentato nel 2017 dal sindacato dei dirigenti e sfociato nel febbraio 2019 in una sentenza con cui la Corte costituzionale ha stabilito che il diritto dei cittadini a conoscere compensi e patrimoni dei manager statali va sacrificato sull’altare del diritto alla privacy. Il governo, con il Milleproroghe, ha deciso di adeguarsi congelando le sanzioni da 500 a 10mila euro e mettendo in cantiere un nuovo regolamento. L’Anac però fa notare che la Consulta ha “sollecitato il legislatore a graduare gli obblighi di pubblicazione dei dati patrimoniali e reddituali in relazione al ruolo, alle responsabilità e alla carica ricoperta dai dirigenti”.

La sentenza numero 20 depositata nel febbraio 2019 fa infatti decadere l’obbligo di pubblicare o line i dati personali sul reddito e sul patrimonio dei dirigenti pubblici diversi da quelli che ricoprono incarichi apicali. L’Autorità anticorruzione quindi chiede innanzitutto di non sospendere l’obbligo di pubblicazione dei compensi in attesa del nuovo regolamento. Ma chiede anche che questo nuovo regolamento, che dovrà essere emanato dal governo entro la fine del 2020, si adegui alla sentenza della Consulta rispettando il principio della gradualità, preservando l’obbligo di trasparenza per chi ricopre ruoli apicali nella Pubblica amministrazione. Sulla pubblicazione dei compensi, fa notare l’Anac, “la Consulta ha dichiarato la non fondatezza della questione di legittimità costituzionale”. L’Autorità, che elabora apposite modifiche al Milleproroghe, chiede anche di essere coinvolta nella stesura del Regolamento interministeriale che dovrà essere emanato entro il 31 dicembre.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Paradisi fiscali, i ricchi europei hanno 1.500 miliardi offshore. E lo scambio di informazioni tra Paesi Ocse non basta per farli rientrare

next
Articolo Successivo

Exor, la compagnia assicurativa francese Covea tratta per comprare dagli Agnelli il gruppo Partner Re: offerta da 9 miliardi

next