Ora la prevalenza della privacy sulla trasparenza è legge. Il decreto Milleproroghe elimina infatti con un colpo di spugna l’obbligo per i dirigenti della pubblica amministrazione di rendere noti redditi e situazione patrimoniale, come era stato previsto dalla riforma Madia. Tutto nasce dal ricorso al Tar Lazio presentato nel 2017 dal sindacato dei dirigenti e sfociato nel febbraio 2019 in una sentenza con cui la Corte costituzionale chiamata in causa dal Tar ha stabilito che il diritto dei cittadini a conoscere compensi e patrimoni dei manager statali va sacrificato sull’altare del diritto alla privacy. Il governo ora si adegua congelando le sanzioni da 500 a 10mila euro per chi non si adegua e mettendo in cantiere un nuovo regolamento che ufficializzerà la marcia indietro. I dati patrimoniali e la dichiarazione dei redditi, per dirne una, andranno comunicati “esclusivamente all’amministrazione di appartenenza“.

L’articolo 1 del decreto sancisce innanzitutto che, “nelle more dell’adozione dei provvedimenti di adeguamento alla sentenza della Corte costituzionale”, ai titolari di incarichi politici, di amministrazione, di direzione e dirigenziali non si applicano le sanzioni previste dal decreto legislativo 33 del 2013 per chi non rispetta l’obbligo di pubblicare cv, compensi, importi di viaggi di servizio e missioni pagati con fondi pubblici e dichiarazioni patrimoniali. Entro il 31 dicembre 2020 il ministero della Pa, insieme a quelli della Giustizia, dell’Interno, dell’Economia, degli Esteri e della Difesa, sentito il Garante della privacy, dovranno adottare un regolamento interministeriale in cui sarà specificato quali dati le pubbliche amministrazioni devono pubblicare “con riferimento ai titolari amministrativi di vertice e di incarichi dirigenziali”. Il regolamento dovrà però rispettare alcuni criteri: dalla “graduazione in relazione al rilievo esterno dell’incarico svolto” e al “livello di potere gestionale e decisionale” alla previsione che le dichiarazioni patrimoniali del dirigente e dei parenti fino al secondo grado vadano comunicate solo all’amministrazione di appartenenza.

Non solo: il regolamento dovrà individuare un gruppo di dirigenti del Viminale, della Farnesina, delle forze di polizia, delle forze armate e dell’amministrazione penitenziaria che verranno “salvati” per legge dall’obbligo di trasparenza “in ragione del pregiudizio alla sicurezza nazionale interna ed esterna e all’ordine e sicurezza pubblica, nonché in rapporto ai compiti svolti per la tutela delle istituzioni democratiche e di difesa dell’ordine e della sicurezza”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Autostrade, stop agli aumenti dei pedaggi sul 95% della rete. Il ministero autorizza solo 4 società: anche BreBeMi e Pedemontana

next
Articolo Successivo

Agenzia delle Entrate, lavoratori in agitazione: “Personale e risorse insufficienti, impossibile raggiungere obiettivi di lotta all’evasione”

next