Ora la prevalenza della privacy sulla trasparenza è legge. Il decreto Milleproroghe elimina infatti con un colpo di spugna l’obbligo per i dirigenti della pubblica amministrazione di rendere noti redditi e situazione patrimoniale, come era stato previsto dalla riforma Madia. Tutto nasce dal ricorso al Tar Lazio presentato nel 2017 dal sindacato dei dirigenti e sfociato nel febbraio 2019 in una sentenza con cui la Corte costituzionale chiamata in causa dal Tar ha stabilito che il diritto dei cittadini a conoscere compensi e patrimoni dei manager statali va sacrificato sull’altare del diritto alla privacy. Il governo ora si adegua congelando le sanzioni da 500 a 10mila euro per chi non si adegua e mettendo in cantiere un nuovo regolamento che ufficializzerà la marcia indietro. I dati patrimoniali e la dichiarazione dei redditi, per dirne una, andranno comunicati “esclusivamente all’amministrazione di appartenenza“.

L’articolo 1 del decreto sancisce innanzitutto che, “nelle more dell’adozione dei provvedimenti di adeguamento alla sentenza della Corte costituzionale”, ai titolari di incarichi politici, di amministrazione, di direzione e dirigenziali non si applicano le sanzioni previste dal decreto legislativo 33 del 2013 per chi non rispetta l’obbligo di pubblicare cv, compensi, importi di viaggi di servizio e missioni pagati con fondi pubblici e dichiarazioni patrimoniali. Entro il 31 dicembre 2020 il ministero della Pa, insieme a quelli della Giustizia, dell’Interno, dell’Economia, degli Esteri e della Difesa, sentito il Garante della privacy, dovranno adottare un regolamento interministeriale in cui sarà specificato quali dati le pubbliche amministrazioni devono pubblicare “con riferimento ai titolari amministrativi di vertice e di incarichi dirigenziali”. Il regolamento dovrà però rispettare alcuni criteri: dalla “graduazione in relazione al rilievo esterno dell’incarico svolto” e al “livello di potere gestionale e decisionale” alla previsione che le dichiarazioni patrimoniali del dirigente e dei parenti fino al secondo grado vadano comunicate solo all’amministrazione di appartenenza.

Non solo: il regolamento dovrà individuare un gruppo di dirigenti del Viminale, della Farnesina, delle forze di polizia, delle forze armate e dell’amministrazione penitenziaria che verranno “salvati” per legge dall’obbligo di trasparenza “in ragione del pregiudizio alla sicurezza nazionale interna ed esterna e all’ordine e sicurezza pubblica, nonché in rapporto ai compiti svolti per la tutela delle istituzioni democratiche e di difesa dell’ordine e della sicurezza”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Autostrade, stop agli aumenti dei pedaggi sul 95% della rete. Il ministero autorizza solo 4 società: anche BreBeMi e Pedemontana

next
Articolo Successivo

Agenzia delle Entrate, lavoratori in agitazione: “Personale e risorse insufficienti, impossibile raggiungere obiettivi di lotta all’evasione”

next