Renzi contro lo stop alla prescrizione? Noto la sua faccia tosta e la sua spudoratezza. Renzi, nel 2014, quando era presidente del Consiglio e la Cassazione dichiarò prescritti gli omicidi colposi dell’Eternit, a Casale Monferrato, annunciò ‘coram populo’ che la presrizione era inaccettabile. E disse: ‘O la vicenda non è un reato o, se è un reato ma è prescritto, bisogna cambiare le regole del gioco sulla prescrizione’”. E’ il commento del direttore de Il Fatto Quotidiano, Marco Travaglio, nel corso di “Otto e mezzo”, su La7, sulla posizione di Italia Viva contro la riforma Bonafede.

E spiega: “Nel 2015 il Pd, di cui Renzi, già presidente del Consiglio, era segretario, in Commissione Giustizia mise a verbale queste testuali parole: ‘La posizione ufficiale del Pd è che la prescrizione deve cessare dopo il decreto di rinvio a giudizio’. Due parlamentari del Pd, Felice Casson e Giuseppe Cucca, presentarono due emendamenti: il primo diceva che la prescrizione andava bloccata con la sentenza di primo grado e il secondo stabiliva che la prescrizione doveva decorrere non dal momento in cui il reato veniva commesso, ma dal momento in cui quello stesso reato veniva scoperto, cioè molto tempo dopo. E questo rende quasi acqua fresca la riforma Bonafede che si limita a recepire uno dei due emendamenti renziani del Pd del 2015”.

Travaglio chiosa: “Sapete chi è il responsabile Giustizia di Italia Viva oggi? E’ lo stesso senatore Cucca che firmò quei due emendamenti che bloccavano la prescrizione, esattamente come fa la legge Bonafede e in più la facevano decorrere soltanto dal momento in cui il reato veniva scoperto. Qual è la lezione di tutto questo? E’ che non ci credono nemmeno loro a quello che dicono, e cioè che questa riforma è una barbarie. Semplicemente sono diventati rappresentanti delle peggiori lobby di questo Paese, che non vogliono che i processi vadano alla fine con la condanna per chi è colpevole e l’assoluzione per chi è innocente. Preferiscono il pareggio, come è sempre capitato fino all’altro ieri”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

PADRINI FONDATORI

di Marco Lillo e Marco Travaglio 15€ Acquista
Articolo Precedente

Prescrizione, Renzi: “È Bonafede che ricatta, ma occhio: va contro un muro. Conte? Faccio il tifo per governo, ma smini la situazione”

next
Articolo Successivo

Sardine, Travaglio: “Foto con Benetton? Sono state leggere e si sono fatte infinocchiare. Salvini? Paradossale, stia nel suo campo”

next