Dopo una periodo di beta durato circa 2 anni, NVIDIA è pronta a rendere disponibile al pubblico GeForceNOW, il suo servizio che permette di giocare in streaming su PC, Mac, smartphone / tablet Android, o Shield Android TV.

Particolarità di GeForce Now è il non avere un proprio store, invece permetterà agli utenti di giocare ad una selezione di oltre 1000 titolo, sia gratuiti che non, appoggiandosi ai principali servizi dedicati al gaming su PC, come Steam, Uplay e Battle.net.

Il servizio di NVIDIA può essere utilizzato sia su PC poco performanti che su Mac non proprio recenti, mentre per quanto riguarda gli smartphone sono richiesti almeno 2GB di RAM (quindi unici esclusi dovrebbero essere modelli di gamma bassa o particolarmente vecchi), vedendo dunque l’unico vero requisito richiesto è una connessione in grado di garantire una banda di almeno 20-30Mbps, dopodichè basterà semplicemente scaricare il client dedicato alla propria piattaforma e si è pronti a giocare in FullHD a 60fps.

GeForce Now al lancio prevederà due livelli di accesso al servizio: Free e Founders . Gli utenti del servizio Free potranno sfruttare il servizio gratuitamente ma avranno alcune limitazioni: si potrà giocare per massimo 1h alla volta, e nei momenti di maggior affluenza sul servizio si dovrà attendere in coda il proprio turno; gli utenti Founders, pagando un abbonamento mensile di 5,49€ per il primo anno (dopo 90giorni di accesso gratuito), avranno a disposizione la possibilità di giocare più a lungo (sessioni da 6h circa), accesso prioritario in caso di code e la possibilità di attivare l’RTX, e dunque il ray tracing, sui giochi che lo supportano, sfruttando le capacità offerte dalle schede video di NVIDIA.

Abbiamo iniziato a provare GeForce Now durante la beta, e lo proveremo nuovamente una volta che il servizio sarà live per potervi offrire un nostro parere nelle prossime settimane.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

BlackBerry, lo storico brand dice addio al mercato degli smartphone

next
Articolo Successivo

Kameta, hub multiporte per notebook e desktop PC, a 18,90 euro su Amazon

next