“Rifarei tutto anche il citofono, radiotelefono e il grammofono”. Dopo la sconfitta in Emilia-Romagna, il segretario della Lega Matteo Salvini, in conferenza stampa insieme a Lucia Borgonzoni, non fa auto critica sulle modalità della sua campagna elettorale. “Quando si gioca si può vincere o perdere, per fortuna ogni tanto perdiamo” commenta il leader leghista. E a chi gli ricorda il discorso di chiusura di campagna a Ravenna quando disse che “non si sarebbe vinto, ma stravinto” risponde: “Sono straconvinto che Lucia (Borgonzoni) sia l’unica che se la poteva giocare”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Salvini dopo la sconfitta in Emilia-Romagna: “Quando si voterà per le elezioni nazionali? Saperlo è nelle mani del buon Dio”

next
Articolo Successivo

Regionali, Meloni: “Sconfitta in Emilia? Non uso risultato per spaccare centrodestra. Sardine? Violata par condicio”

next