Nel giorno in cui Luigi Di Maio ufficializza le sue dimissioni come capo politico M5s, viene nominato reggente, come da regolamento, il membro più anziano del collegio di garanzia, ovvero Vito Crimi. Già primo capogruppo alla Camera nella storia pentastellata, al termine del discorso di Di Maio, lo abbraccia e poi rivendica: “Non ci sarà alcun impatto sul governo, confermerò la squadra dei facilitatori che sarà il futuro del Movimento”. E poi rivela: “Di Maio lascerà anche il ruolo di capodelegazione M5s al governo, valuteremo sostituto”. In attesa degli Stati generali, invece, Crimi ha tagliato corto su quale sarà l’assetto futuro del M5s: “Di Maio sarà l’ultimo a rivestire il ruolo di capo politico perché sarà soppiantata la figura? Non occupiamoci di chi, ma del cosa,degli obiettivi che vogliamo realizzare”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ferrara, il sindaco leghista: “Case popolari prima ai ferraresi”. Ma suo vice con stipendio da 4.800 euro non lascia l’alloggio pubblico

next
Articolo Successivo

“Spot pro Salvini nel lancio di Porta a Porta durante l’intervallo di Juve-Roma su Rai1”: tutto il Pd contro Bruno Vespa e Viale Mazzini

next