“Signora lo sa che si vota domenica 26 gennaio” “No e non lo voglio sapere, tanto siete tutti uguali!”, “Signora venga qui non è vero quel che dice, ma è arrabbiata?” “Certo che sono arrabbiata, come starebbe lei con un figlio di trent’anni disoccupato?”, “Comprendo e mi spiace ma non tutti hanno le stesse colpe, anche i politici non sono tutti uguali”. La signora se ne va scuotendo la testa. È dura smuovere quella parte di elettorato che da tempo non vota o vota chi sa chi; popolo senza identità, persone anziane o meno alle prese con troppe difficoltà.

Eppure qui in Emilia Romagna uno stato sociale ancora funziona: gli ambulatori, le case della salute, l’assistenza ai non autosufficienti, gli aiuti concreti (seppur forse limitati alle famiglie in difficoltà), gli asili e le scuole a tempo pieno. I Comuni fanno quel possono con le risorse sempre insufficienti, ma c’è un’ampia e articolata rete di solidarietà sociale, enorme e diffusa per quelli che stanno veramente peggio.

La povertà qui non ha le forme evidenti del mezzogiorno d’Italia; non c’è il degrado o la marginalità diffusa. Però esiste e si consuma magari tra la pareti di una casa di proprietà dove nessuno ti sfratta, ma magari fai fatica a pagare luce e gas.

La fine del lavoro ben pagato ha colpito come una mannaia famiglie che fino a pochi anni fa potevano vivere dignitosamente: la figura dell’artigiano ricco, che presta il suo lavoro qualificato come terzista o si mette in proprio, è sempre più raro vederla.

Tanti anni fa mi colpì leggere a Bologna su un cartello molto in vista in un’autofficina questa frase: “Qui la paga è sindacale e il costo della manodopera è 45mila lire ora”. Roba che dalle mie parti, a Napoli, era pura immaginazione. Ora il lavoro sottopagato, a cottimo, a chiamata, è diffuso come e più che altrove, raccontano le tante vertenze di soci dipendenti di false cooperative in subappalto che vengono pagati come facchini e lavorano da operai qualificati.

È in questa società nebulizzata e parcellizzata, in questo scenario di perdurante e strisciante crisi, di stabile incertezza (ossimoro) che, nelle periferie sociali – molte volte aggravate da un errato sviluppo edilizio, desertificate dall’abbandono dell’industria diffusa alla fine del secolo scorso -, s’ingrassa il mito dell’uomo del destino, del “lanzichenecco” nordista venuto a predicare il cambiamento.

L’Emilia rossa dei ceti medi di togliattiana memoria, il socialismo produttivo di governo in contrapposizione all’Italia forchettona e clientelare della Democrazia cristiana, ha subito una metamorfosi radicale. Oggi convivono eccellenze economiche e culturali come l’Alma Mater, università bolognese dei record d’iscritti e di riconoscimenti internazionali, e i rigurgiti di rancore di parti di società che si sentono escluse da qualsiasi ascensore sociale.

In questo quadro difficile, magmatico e contraddittorio, con un centrosinistra alla ricerca affannosa di ritrovare anima e senso, scavando nelle proprie radici per evitare una possibile sconfitta, in questo mare malmostoso e increspato, sono spuntate le Sardine con il loro trillo vitale, pesci d’acque profonde, che hanno risalito la corrente adriatica e si sono scaraventate nella battaglia elettorale con tutta la freschezza dei loro giovani anni e della voglia di dire no alla notte leghista, no alle suggestioni del capitano di ventura che vorrebbe espugnare l’ultimo baluardo della sinistra in Italia.

Riusciranno queste migliaia e migliaia di freschi pesciolini con le loro squame variopinte, con la voglia di esserci che ha riempito piazze grandi e piccole – e che sta scuotendo anche i sonnacchiosi borghi d’appennino – a fermare l’orda?

Lo sapremo il 26 gennaio. Ma comunque andrà a finire, per le forze che s’oppongono al populismo sovranista e razzista è venuta l’ora di costruire finalmente con coraggio un percorso del tutto nuovo rispetto alle usurate formule che abbiamo conosciuto finora.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

C'era una volta la Sinistra

di Antonio Padellaro e Silvia Truzzi 12€ Acquista
Articolo Successivo

Renzi e Calenda pensano a Federica Angeli come candidata alle suppletive di Roma

next