Ha invitato un passeggero a scendere dal treno perché non aveva il biglietto, ma in prossimità della fermata è stata presa a pugni dall’uomo davanti all’indifferenza degli altri viaggiatori. Protagonista della brutta vicenda una capotreno di 25 anni, in servizio ieri sul treno partito alle 9.48 da Como San Giovanni in direzione di Rho (Milano).

Secondo quanto raccontato dal sindacato Fit Cisl di Como, la donna si era accorta di un uomo, un italiano di mezza età che, sdraiato, occupava diversi posti a sedere. Così lo ha invitato a sedersi normalmente e, al suo rifiuto, gli ha chiesto il biglietto. Non avendolo, la capotreno lo ha accompagnato alla porta per scendere a Seregno (Monza e Brianza), ovvero la fermata successiva. L’uomo allora ha picchiato la donna per poi dileguarsi in stazione, una volta che il treno ha aperto le porte. Stando sempre a quanto riferito dal sindacato, nessuno tra gli altri passeggeri ha tentato di fermare l’aggressore: a Seregno è intervenuta la Polfer e gli operatori del 118 che hanno portato la capotreno in ospedale da cui è stata dimessa con una prognosi di 10 giorni.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Air Italy, fumo nella cabina dei passeggeri: atterraggio d’emergenza per volo Olbia-Roma

next
Articolo Successivo

Potenza, “presa a calci e pugni perché lesbica”: la denuncia su Facebook di una 31enne

next