Si può ora verificare, in modo molto semplice, se la propria televisione va cambiata per poter vedere il nuovo digitale terrestre. Sono raggiungibili con il telecomando due canali test, che diranno se l’apparecchio è compatibile con il nuovo digitale terrestre (il Dvb-T2). I canali sono il 100 e il 200. Quest’ultimo è attivo da giovedì, mentre il primo da venerdì. A partire dal prossimo anno e fino al 2022, infatti, si compirà lo switch off del digitale terrestre attualmente in uso (Dvb-T1) e il passaggio al nuovo standard Dvb-T2. Ci saranno due anni di tempo per adeguarsi, sostituendo i vecchi televisori con tv che siano compatibili oppure comprando un decoder che consenta la ricezione del segnale.

Come verificare se la televisione riceve il nuovo segnale
Una volta digitato il numero 100 o 200 sul proprio telecomando, sullo schermo comparirà la scritta “Test HEVC Main10“, formula che indica lo standard di trasmissione che diventerà obbligatorio dal giugno del 2022. Se si riesce a visualizzare la scritta significa che si è a posto. Saremo in grado, cioè, di vedere il nuovo digitale terrestre grazie al nostro televisore oppure grazie al decoder che abbiamo allacciato alla televisione.

Se non si riesce a visualizzare la scritta, non significa necessariamente che la tv non sia adeguata. Infatti, può succedere che il canale test non sia agganciabile perché bisogna risintonizzare tutti i canali oppure perché il numero 200 (oppure 100) è già occupato da un’emittente tv, che va spostata altrove.

Quindi, operativamente, si dovrebbero risintonizzare i canali oppure spostare su un altro canale l’emittente che occupa il 200. Dopo questo passaggio, si potrà riprovare a cercare il canale test. Se a questo punto il canale test mostra lo schermo tutto nero, allora significa che il nostro apparecchio non è in grado di leggere il nuovo standard di trasmissione. La televisione, dunque, andrà cambiata oppure dovrà essere corredata da un decoder che la abiliti alla ricezione del nuovo tipo di segnale.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bose chiude tutti i negozi tra Europa, America, Australia e Giappone: centinaia di licenziamenti per il passaggio all’e-commerce

next
Articolo Successivo

Paola Pisano: “In Italia le norme non vanno di pari passo con l’innovazione”. Dalla mobilità alla robotica, gli obiettivi della ministra

next