Il surriscaldamento terrestre? Una “balla ecoterroristica“. Aborto e divorzio? “Hanno devastato la società“. Le associazioni Lgbt? Si incontrano per “scambiarsi un po’ di droga e di Aids“. Le violenze sulle donne? “Evidenti isterie“. E allora, in ordine, guai a mutare i nostri comportamenti per salvaguardare il pianeta. Al bando la libertà sessuale. Dio ci scampi dalla “sterilità della vita sodomitica” e anzi, già che ci siamo, parliamo della minoranza oppressa dell’uomo bianco, eterosessuale e cacciatore. Infine – di nuovo – affrontiamo il vero allarme contemporaneo: gli abusi ai danni degli uomini (maschi, bianchi ecc.ecc.).

Tesi, concetti e parole stampati e pubblicati – anche online – dal giornalino parrocchiale di Vanzaghello, comune di 5mila abitanti dell’hinterland milanese. Il settimanale Il Mantice, come recita il sito della parrocchia, è disponibile “dopo la Messa alle porte della chiesa” e, come detto, sul web, con tanto di archivio. Al di là di feste ecclesiastiche, appuntamenti all’oratorio e preghiere per i santi, contiene articoli ed editoriali. L’ultimo numero, quello di domenica, ha fatto saltare sulla sedia il mondo Lgbt (e successivamente la segretaria del Pd milanese, Silvia Roggiani) per il pezzo dal titolo “Care donne, avete in casa un maschio, bianco, eterosessuale? Dategli un bacio”, in cui l’autore attacca quella che definisce “pseudocultura occidentale”, rea di disprezzare i maschi, bianchi, eterosessuali (e armati, cioè cacciatori), considerati, se va bene “stupratori seriali“. Ma l’anatema alla Chiesa che “benedice la sterilità della vita sodomitica” non ce la farà. Firma: Matteo Donadoni, sodale di Costanza Miriano (scrive sul suo blog), autrice del discusso libro Sposati e sii sottomessa, già organizzatrice dei Family Day e convinta che “la contraccezione” abbia “mietuto più vittime della bombe atomiche“.

Nello stesso numero, poi, il tentativo di demolire la scienza sulle cause antropiche dei cambiamenti climatici (sì, le “balle ecoterroristiche”) e l’accostamento delle Sardine a Lenin, definite proprio “Sardine leniniste” (la teoria è che dietro il movimento ci siano ricche lobby finanziarie, meglio se ebree) e quello di Greta a Hitler, il “gretismo nazista” (anche qui, potenti lobby, e in più il fatto che pure Hitler fosse ecologista e vegetariano). La firma, in questo caso, è di Agostino Nobile, uno che a La fede quotidiana, lo scorso 2 settembre, parlava dell’esistenza di una “invasione islamica”, peraltro facilitata dal Papa (“duole constatare che tra i primi a predicare le porte aperte all’Islam sia il Papa”), incompatibile coi valori dell’Occidente.

Scorrendo i numeri di dicembre troviamo il suggestivo titolo, un filo euroscettico, che recita “Occhio alla Ue, i gulag iniziarono proprio così”. Oppure la prosa di Silvana De Mari, che definisce il fenomeno dei femminicidi alla stregua di “evidenti isterismi”. La stessa De Mari che scrive per La Verità e che oggi, sulla vicenda Cappato-dj Fabo, scrive: “Se mi trovassi nella stessa situazione (di Fabiano Antoniani, ndr) continuerei ad amare la vita e continuerei a voler vivere, quindi non mi sembra né logico né inevitabile che il signor Fabiano desiderasse morire”. Alla faccia di Aristotele, insomma. E, ancora, l’anatema di Paolo Deotto, classe ’49, direttore del Nuovo Arengario, settimanale che ha “come riferimento e garanzia di salute mentale la Dottrina cattolica immutabile”, che scrive ne “Gli idioti in marcia”: “Non esistono altre religioni. Esiste la Fede cristiana, come custodita dalla Tradizione cattolica, e poi esistono eresie, scismi e altre confusioni. Non esistono altre “civiltà”, perché la casa, se non è fondata sulla roccia che è Cristo, è destinata a crollare”. Deotto che proprio sul Nuovo Arengario ha dissipato ogni dubbio sul voto in Emilia con la seguente, velata minaccia: “Votiamo Salvini e Meloni. È il momento di essere decisi e usare le armi di cui disponiamo, anche per evitare, in un domani, di essere costretti a usare altre armi…“.

Il FattoQuotidiano.it ha provato a raggiungere don Armando Bosani, parrocco di Vanzaghello, ma è stato impossibile. Al suo posto ha risposto il segretario del parrocco: “Don Armando è occupato. Tra malati, funerali e confessioni non lo vedo nemmeno io. Il nostro giornalino? Ci criticano sempre, ma il Signore provvede… arrivederci”.

Twitter: @AlbMarzocchi

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Papa Francesco, decisione storica: una donna in un ruolo dirigenziale alla Segreteria di Stato

next
Articolo Successivo

Belice, da cinquant’anni la ricostruzione prosegue. Anche se sullo Stato è meglio non far conto

next