“Quando il 2 d’agosto ho ricevuto le telefonate di tutta l’azienda per Sanremo 2020 è stata una grandissima emozione. Sono tranquillo perché è il sogno di quando ero bambino. Ho voluto lavorare al Festival come l’ho sempre pensato, un occhio al passato ma che guarda al presente e al futuro”, ha esordito così Amadeus in conferenza stampa a Sanremo. Un lungo incontro con i giornalisti tra novità e notizie sulla 70° edizione del Festival.

I COLPI DI AMADEUS: “FIORELLO E TIZIANO FERRO TUTTE LE SERE”

“Sanremo è anche una festa e nelle feste chiami gli amici. Il primo è Fiorello, è stato il primo a chiamarmi e ci siamo ricordati di una promessa fatta 35 anni fa, ai tempi di Deejay Tv. Ho già prenotato la camera per lui di fronte alla mia. E’ un fratello che è con me in questa avventura”, ha dichiarato il padrone di casa. Il mattatore siciliano è intervenuto con un filmato “Io non avrei proprio deciso”, ha scherzato e sul finale ha fatto il bis con una nota vocale: “Mi hai messo già ansia. Io non so ancora una minchia di niente di cosa farò? Ma non perché non te lo voglio dire, perché non lo so! Cu’ m’u fici fare.” La notizia è che, a sorpresa, Fiorello sarà sul palco dell’Ariston tutte le sere, proprio come Tiziano Ferro.

“Quando ho chiesto a Tiziano di esserci tutte le sere è stato felicissimo: ‘Ma veramente tutte le sere? E’ bellissimo‘”, ha raccontato il conduttore con Ferro che non ha nascosto, anche lui con un filmato, la sua emozione: “Amadeus chiamandomi ha realizzato un sogno, sarà fantastico per me far parte del cast di questo Festival. Sanremo mi ha fatto diventare un sognatore perché quando ero ragazzino lo guardavo e speravo di fare quello, esserci per cinque sere è un privilegio A 40 anni è essere felice come un bambino di 8 è una fortuna. Grazie per quella telefonata.”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sanremo 2020, tra le dieci donne sul palco anche Alketa Vejsiu: ecco chi è

next
Articolo Successivo

Iraq, dalle manifestazioni di piazza contro il governo al ruolo di Isis: tre reportage su Sky Tg24

next