Cambi strutturali della squadra dell’associazione Rousseau. Proprio nei giorni in cui si fanno sempre più insistenti le critiche dentro il M5s per la gestione della piattaforma per il voto online, sul Blog delle Stelle è stato annunciato l’addio di alcuni volti storici e l’ingresso di nuove persone nel cosiddetto team che si occupa delle funzioni per la partecipazione in rete. Il passo indietro più significativo è quello di Max Bugani che, da oggi, non sarà più socio insieme al presidente Davide Casaleggio, a Enrica Sabatini e Pietro Dettori. Al momento non è stato annunciato alcun sostituto e nella gerenza del sito è semplicemente scomparsa la foto di Bugani. Sono stati invece formalizzati una serie di nuovi incarichi e tra questi spunta quello per l’ex deputato Alessandro Di Battista che diventa referente della funzione “Portale Eventi Movimento 5 stelle”.

I cambi nella struttura dell’associazione arrivano in un momento molto delicato per il Movimento e sono stati studiati per dare qualche segnale ai malcontenti. Nelle scorse ore è stata diffusa la notizia del cambio di statuto del comitato per le restituzioni: i residui non saranno più destinati a Rousseau. Oggi invece è stata ufficializzata l’esclusione di Bugani dal team dei soci. Il consigliere comunale di Bologna, da sempre fedelissimo di Davide Casaleggio e Beppe Grillo, ad agosto scorso aveva annunciato le dimissioni dalla segreteria di Luigi Di Maio accusandolo di averlo “punito per un’intervista” nella quale aveva chiesto il ritorno di Di Battista. Poi, con la crisi di governo di metà agosto, il suo passo indietro si era congelato fino all’annuncio della promozione a capo staff in Campidoglio di Virginia Raggi. Ora arriva l’addio come socio dell’associazione Rousseau, anche alla luce dell’elevato numero di incarichi e proprio mentre alcuni parlamentari chiedono che dentro il Movimento non ci siano “doppi ruoli”. Bugani rimane però referente per la funzione “Sharing” della piattaforma. Ma il consigliere comunale di Bologna (non si è mai dimesso nonostante gli impegni a Roma), non è il solo a uscire. “Il nostro enorme ringraziamento per il prezioso lavoro portato avanti in questi anni va a Fabiana Dadone, Stefano Patuanelli, Nunzia Catalfo e Giancarlo Cancelleri“, si legge sul Blog delle Stelle, “che lasciano il testimone per gli impegni che oggi svolgono nei ministeri”.

Vengono poi annunciati i nuovi incarichi assegnati. “Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità della piattaforma e renderle sempre più dinamiche e al servizio del MoVimento 5 Stelle, il team dei referenti di Rousseau cresce”, si legge nel post. Di Battista appunto, insieme ai senatori Marco Croatti e Paola Taverna, si occuperò del Portale Eventi Movimento 5 stelle. Di Battista -in Rousseau già dal 2015 per gestire i meet-up assieme a un altro volto storico del M5s, Roberto Fico– nel 2018 viene affidato il ruolo di referente della funzione “Call to action” con Giancarlo Cancelleri.

L’eurodeputata Eleonora Evi è stata invece assegnata alla funzione Lex Eletti per l’area Europa. Per quanto riguarda Lex Eletti Area Parlamento, sono stati invece nominati i deputati: Manlio Di Stefano, Anna Macina e Giorgio Fede. Per Lex Eletti Area Regioni, sono stati indicati i consiglieri regionali del Piemonte Davide Bono e dell’Umbria Andrea Liberati. Per la funzione E-learning è stata indicata la senatrice Barbara Floridia. Alla funzione sharing rimane Massimo Bugani, affiancato dal consigliere comunale Marco Piazza. Per Lex Iscritti subentrano i deputati Francesco Berti e Susy Matrisciano. Per Scudo della Rete: la deputata Vittoria Baldino.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pd, De Luca: “Siamo un partito che si apre a mondi nuovi. Ma evitiamo di omologarci a chi si rinnova sotto la guida di Toninelli”

next
Articolo Successivo

Regionali Puglia, Matteo Renzi va da solo: “Emiliano non sarà il candidato di Italia Viva. Sceglieremo Teresa Bellanova? Non credo”

next