Il 10 gennaio scorso è stata registrata una modifica allo Statuto del Comitato per le rendicontazioni e i rimborsi del M5s. L’intervento è stato fatto solo tre giorni dopo l’incontro tra i probiviri e i capigruppo per valutare i casi dei ritardatari nella decurtazione degli stipendi. La modifica prevede che i residui dei fondi destinati al Comitato non andranno più all’associazione Rousseau, ma al fondo microimprenditorialità. Inoltre viene allargato il perimetro del Comitato anche alle restituzioni dei parlamentari europei e prevedono “la facoltà di utilizzo per i portavoce regionali“. La durata dello stesso Comitato è inoltre prevista fino “all’integrale utilizzo dei fondi impegnati”.

Con la modifica entrano a far parte del direttivo del Comitato, insieme al presidente Luigi Di Maio, anche i capigruppo di Camera e Senato Davide Crippa e Gianluca Perilli che sostituiscono gli ex capigruppo Francesco D’Uva e Stefano Patuanelli. L’atto, sottoscritto davanti al notaio Luca Amato, prevede che “tutte le somme ricevute dal Comitato dovranno essere versate al Fondo appositamente costituito per il Microcredito o agli enti e soggetti individuati dagli iscritti al M5s previa consultazione on line”. La durata del Comitato è prevista per statuto fino al “novantesimo giorno successivo al termine della XVIII legislatura, coincidente con lo scioglimento delle Camere e comunque sino all’integrale utilizzo dei fondi impegnati”.

Tra i punti contestati da alcuni parlamentari c’era il fatto che i residui del fondo dovessero essere destinati alla piattaforma Rousseau. La modifica dello Statuto interviene modificando questa opzione, ma non viene eliminata la quota mensile di 300 euro che gli eletti devono versare all’associazione che gestisce il voto online.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Gregoretti, Gasparri dice: “Io arbitro”. Poi il suo voto è decisivo per il no alla richiesta di documenti: maggioranza abbandona riunione

next
Articolo Successivo

Pd, Orlando: “Discontinuità con il governo gialloverde c’è già stata. Un’alleanza politica con il M5s anche con il voto? Assolutamente sì”

next