Il 10 gennaio scorso è stata registrata una modifica allo Statuto del Comitato per le rendicontazioni e i rimborsi del M5s. L’intervento è stato fatto solo tre giorni dopo l’incontro tra i probiviri e i capigruppo per valutare i casi dei ritardatari nella decurtazione degli stipendi. La modifica prevede che i residui dei fondi destinati al Comitato non andranno più all’associazione Rousseau, ma al fondo microimprenditorialità. Inoltre viene allargato il perimetro del Comitato anche alle restituzioni dei parlamentari europei e prevedono “la facoltà di utilizzo per i portavoce regionali“. La durata dello stesso Comitato è inoltre prevista fino “all’integrale utilizzo dei fondi impegnati”.

Con la modifica entrano a far parte del direttivo del Comitato, insieme al presidente Luigi Di Maio, anche i capigruppo di Camera e Senato Davide Crippa e Gianluca Perilli che sostituiscono gli ex capigruppo Francesco D’Uva e Stefano Patuanelli. L’atto, sottoscritto davanti al notaio Luca Amato, prevede che “tutte le somme ricevute dal Comitato dovranno essere versate al Fondo appositamente costituito per il Microcredito o agli enti e soggetti individuati dagli iscritti al M5s previa consultazione on line”. La durata del Comitato è prevista per statuto fino al “novantesimo giorno successivo al termine della XVIII legislatura, coincidente con lo scioglimento delle Camere e comunque sino all’integrale utilizzo dei fondi impegnati”.

Tra i punti contestati da alcuni parlamentari c’era il fatto che i residui del fondo dovessero essere destinati alla piattaforma Rousseau. La modifica dello Statuto interviene modificando questa opzione, ma non viene eliminata la quota mensile di 300 euro che gli eletti devono versare all’associazione che gestisce il voto online.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Gregoretti, Gasparri dice: “Io arbitro”. Poi il suo voto è decisivo per il no alla richiesta di documenti: maggioranza abbandona riunione

next
Articolo Successivo

Pd, Orlando: “Discontinuità con il governo gialloverde c’è già stata. Un’alleanza politica con il M5s anche con il voto? Assolutamente sì”

next