Venti feriti, di cui 18 caschi blu dell’Onu. E sei di loro sono in gravi condizioni. Sono stati colpiti questa mattina in un attacco missilistico contro una base delle Nazioni Unite nella regione settentrionale di Kidal, nel Mali. Un portavoce dell’Onu ha riferito alla Bbc che durante l’attacco, per il momento non rivendicato, sono stati feriti gravemente sei peacekeeper. Ieri l’inviato delle Nazioni Unite per la regione ha dichiarato al Consiglio di sicurezza che gli attacchi nel Sahel sono aumentati di cinque volte dal 2016.

(immagine d’archivio)

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Iran, ora l’attacco Usa potrà avere conseguenze anche in Venezuela

next
Articolo Successivo

Vietnam, la squadra di donne che elimina le bombe inesplose della guerra: “Non lo facciamo per i soldi, ma per garantire un posto più sicuro”

next