Venti giorni fa, la Corte dei conti ha puntato il dito contro l’enorme “buco” dei conti siciliani: oltre 7 miliardi da ripianare. E il governo nazionale sotto Natale ha lanciato un salvagente: la Sicilia potrà spalmare in dieci anni una bella fetta di quel disavanzo. Nel frattempo, però, la Regione ha deciso di riconoscere ai propri dirigenti un aumento di stipendio da 200 euro al mese, frutto di un rinnovo contrattuale a lungo atteso. E intanto prepara anche una bella infornata di nuove assunzioni. Dove? Nei Centri per l’impiego. Proprio in Sicilia, dove lavora oltre il venti percento degli addetti al reclutamento in Italia.

Il rinnovo e gli aumenti – In realtà, il rinnovo del contratto dei dirigenti regionali era stato atteso da molto tempo. È di oltre quattordici anni il periodo di “stop” agli scatti. E così, la stessa Corte dei conti aveva auspicato uno sblocco dei contratti. Allo stesso tempo, però, in occasione dell’ultimo giudizio di parifica del bilancio regionale, i magistrati contabili avevano messo in luce le “storture” del sistema siciliano. Dove si registrano primi segnali di miglioramento (il personale diminuisce, così come la spesa), ma dove alcuni dati sono ancora assai in contrasto con la media nazionale. Gli stessi magistrati hanno infatti ribadito “le osservazioni critiche reiteratamente mosse da questa Corte – si legge nella relazione – al numero considerevole di unità dirigenziali operanti in seno all’Ente regione, sia in termini assoluti, sia in relazione al rapporto tra numero dei dirigenti e quello degli altri dipendenti (che supera di poco il rapporto di uno a dieci)”. Insomma, sono ancora tanti i dirigenti in Sicilia. Uno su dieci dipendenti circa. Poco meno di 1.300 quelli di ruolo.

Quanto guadagneranno i dirigenti – Ma l’aumento arriverà a più di 1.300 dirigenti. Perché il rinnovo del contratto riguarderà anche i dirigenti che lavorano negli enti sottoposti al controllo della Regione. Enti che, per intenderci, tra società partecipate, istituti, aziende più o meno pubbliche, danno lavoro ancora a oltre diecimila persone. Un sistema fallimentare: “La Corte – si legge sempre nella relazione dei magistrati – ha in più occasioni evidenziato che le società partecipate dalla Regione si sono dimostrate geneticamente prive di sostenibilità economica”. E intanto, ecco aumenti per tutti. Il “ritocco” è stato quantificato mediamente in 209 euro lordi mensili per dirigente. Così, gli stipendi base oscilleranno tra i 45mila agli oltre 60mila euro lordi annui, a seconda della fascia dirigenziale. A queste somme andranno aggiunte le retribuzioni di posizione: dai 7mila a oltre 36mila euro annui. Infine vanno considerate anche le retribuzioni di risultato: somme che dovrebbero essere, appunto, calibrate sulla base delle performance, ma che sono state erogate finora, nella quasi totalità dei casi, nella quota massima per tutti.

Le nuove assunzioni – Insieme agli aumenti, nella Sicilia del “mega-disavanzo”, ecco fare capolino anche le nuove assunzioni. Nonostante gli oltre 14mila dipendenti di ruolo, i settemila sparsi nelle società partecipate e qualche altro migliaio disperso nella galassia para-regionale. Ma il paradosso vero è nella scelta degli uffici da potenziare. Nell’Isola senza lavoro, col Pil che cala e i giovani che fuggono, la Regione ha deciso di potenziare… i centri per l’impiego. Lo ha annunciato pochi giorni fa, con toni soddisfatti, lo stesso presidente della Regione Nello Musumeci. “Nei prossimi tre anni – ha detto – contiamo di poter bandire concorsi per circa 1.500 posti nell’amministrazione regionale, procedendo anche al superamento definitivo del precariato. La macchina Regione ha bisogno di forze nuove e fresche per affrontare la sfida del futuro. Questo è il primo passo”. Circa 1.200 persone sul numero totale sono destinati proprio ai Centri per l’impiego. E se appare condivisibile il richiamo all’esigenza di un “ricambio” in una amministrazione il cui personale è nella stragrande maggioranza dei casi compreso nella fascia d’età over 50, appare curiosa la scelta di puntare sui vecchi Collocamenti. “L’obiettivo –ha spiegato sempre Musumeci – è quello di dare vita a una rete di servizi per l’impiego che siano efficaci e in grado di integrare le funzioni tradizionali del collocamento”. La giunta ha già deliberato una proposta di spesa da 75 milioni di euro. Ma la mancata efficienza dei Centri per l’impiego siciliani è dovuta davvero all’insufficienza del personale? Sembrerebbe di no, stando alla fotografia scattata circa un anno fa dalla Fondazione Studi Consulenti del Lavoro e che da allora non sembra essere mutata di molto. In Sicilia lavorano 1.737 su un totale di 7.934 operatori dei 501 Centri per l’impiego esistenti in Italia. Un operatore su cinque, insomma, lavora già in Sicilia. Lì, il governo Musumeci vuole mandare altri 1.200 addetti in tre anni. Per una spesa milionaria. Nella Sicilia senza lavoro e dai conti in rosso.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

M5S, Gianluigi Paragone espulso dai probiviri: “Tra i motivi il voto contrario alla manovra”. Lui: “Sono stato cacciato dal nulla”

next
Articolo Successivo

Accettate l’invito di Mattarella: guardate l’Italia dall’alto e pensate a come cambiarla

next