E’ fine luglio 2019 quando, per la prima volta, arrivo a Venaus, Festival Alta Felicità. E non so cosa aspettarmi.

Entri in questa valle dove anche le montagne, di qua e di là, ti guardano con sospetto e più avanzi e più si avvicinano e stringono. Migliaia di giovani campeggiano. Io sono lì per raccontare la storia di Vittorio Arrigoni e c’è anche Egidia Beretta, la madre. Il via vai di tutti è incessante, sul palco si alternano interventi, quando è il mio turno mi cambio in camerino (dietro i bagni chimici, in un boschetto, al riparo da coppiette che pòmiciano e gruppetti che parlano). Vedo ogni sorta di persona, là una nonnina che attraversa il campo, sottovento alla carne alla griglia, spingendo il passeggino con nipotino, laggiù Luca Mercalli che ribatte alle opinioni di chi lo ascoltava prima, magliette fiere come quella di Carola Rackete.

Motivi per farsi prendere dalla stanchezza ce ne sono, con questo che sembra caos, ma non lo è. I tecnici audio e luci potrebbero perder la pazienza in qualunque momento (un imprevisto, un jack sbagliato, un cavo HDMI che non è VGA): eppure non sono mai meno che gentili e sorridenti. Come gli organizzatori, tutti, che non sono mai meno che capaci di farti sentire a casa.

Il sole scompare dietro le montagne, ora sono sagome nere che il temporale di là illumina come un film di guerra al fronte. Preludio del giorno dopo, quando ancora e ancora e ancora i valligiani saranno a dire No al cantiere Tav, a difendere quella che per noi è solo terra, quella che per loro è vita e dovere ai figli. Basta vederli e capisci che stanno facendo la cosa giusta. Nicoletta Dosio, 73 anni, è con loro e io sono fiero di essere in questa valle, che vive e lotta. Nicoletta, 73 primavere, come se arrestare potesse… fermare!

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Italiani come noi, le notizie che hanno segnato il 2019? Il boom di Salvini alle Europee, Ilva, Cucchi, Toffa, Sardine e Greta Thunberg: il vox di Ricca

next
Articolo Successivo

Reddito di cittadinanza, 5 denunce a Taranto: erano ai domiciliari ma percepivano l’assegno

next