I pensionati italiani si confermano attenti alle opportunità offerte dal mercato residenziale: come riporta un articolo di Immobiliare.it, infatti, nel primo semestre 2019 gli over 65 sono stati protagonisti dell’8,2% del totale delle compravendite di immobili. Percentuale che, stando ai dati diffusi dal Gruppo Tecnocasa, si conferma stabile rispetto al 2018 e al 2017.

Meno investimenti, più case vacanza

A registrare un andamento positivo tra le scelte dei pensionati è il segmento delle seconde case per le vacanze, che si aggiudica il 10,3% del totale delle compravendite con un incremento su base annua dell’1%. Nonostante l’interesse crescente per gli immobili da destinare al relax e ai periodi di riposo, si conferma di gran lunga superiore la percentuale di transazioni finalizzate all’acquisto di un’abitazione principale (65,7%). Al contrario, una leggera variazione negativa riguarda quelle a scopo di investimento, che nei primi sei mesi del 2019 hanno visto un calo dello 0,7% rispetto all’anno precedente.

Nell’88% dei casi, le compravendite sono state portate a termine facendo ricorso ai propri risparmi, senza la necessità di ricorrere a una liquidità extra. Solo il 12% dei pensionati italiani ha infatti richiesto mutui o prestiti per concludere l’acquisto.

Gli immobili preferiti

Le tipologie di immobili predilette da questa fascia di compratori sono i trilocali, scelti nel 37,2% dei casi, e i bilocali, protagonisti del 28,5% delle transazioni. Gli over 65 mostrano meno interesse per le abitazioni di maggiore metratura, come i quadrilocali (15,5%) e le ville o villette indipendenti (11,4%). Questo perché gli appartamenti di piccolo taglio sono l’ideale per i nuclei familiari composti da due persone, che rappresentano il 64% dei pensionati.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Domotica: gli europei sognano una casa smart

next
Articolo Successivo

Dipingere le pareti di casa: i colori di tendenza nel 2020

next