Hai deciso di ristrutturare casa e devi rivolgerti alla banca per ottenere la liquidità necessaria: meglio chiedere un prestito o accendere un mutuo? Un recente articolo di Immobiliare.it ha approfondito quali sono gli elementi da prendere in considerazione prima di scegliere tra queste due opzioni.

La prima variabile a cui prestare attenzione è la cifra di cui abbiamo bisogno per portare a termine i lavori: se è minore di 30 mila euro la banca concederà solamente un prestito, mentre sopra tale soglia si potrà anche fare richiesta di mutuo.

Un secondo fattore sono i tassi di interesse, cioè il Tan e il Taeg. Nella scelta di un prestito, è bene verificare che il Taeg sia compreso tra il 5,44% e il 7,98%. Per i mutui, invece, possono essere valide opzioni sia il tasso fisso sia il variabile, che negli ultimi mesi hanno raggiunto i minimi storici anche grazie al quantitative easing 2 lanciato della BCE.

Non mancano poi le spese accessorie, che includono:

  • spese di istruttoria;
  • spese di perizia;
  • costi di incasso e gestione rata;
  • spese di notifica e chiusura pratica;
  • imposta di bollo;
  • eventuali costi iniziali o assicurativi.

Al mutuo ristrutturazione si aggiungono inoltre altre incombenze, come quelle per il perito, per l’atto notarile e per l’assicurazione obbligatoria in caso di scoppio o incendio.

Un ulteriore aiuto per chi intende avviare lavori sulla propria abitazione è il bonus ristrutturazioni, che garantisce una detrazione fiscale del 50% su un limite di spesa che non può superare i 96 mila euro. Questo incentivo è stato prorogato anche per il 2020 e può essere utilizzato sia in caso di manutenzione ordinaria, sia per una vera e propria ristrutturazione edilizia. Prevista, infine, una detrazione Irpef del 65% per gli interventi di riqualificazione energetica degli edifici, con lo sconto che può arrivare al massimo a 100 mila euro.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Sostenibilità: l’impianto fotovoltaico ora può essere noleggiato

next
Articolo Successivo

Domotica: gli europei sognano una casa smart

next