Hai deciso di ristrutturare casa e devi rivolgerti alla banca per ottenere la liquidità necessaria: meglio chiedere un prestito o accendere un mutuo? Un recente articolo di Immobiliare.it ha approfondito quali sono gli elementi da prendere in considerazione prima di scegliere tra queste due opzioni.

La prima variabile a cui prestare attenzione è la cifra di cui abbiamo bisogno per portare a termine i lavori: se è minore di 30 mila euro la banca concederà solamente un prestito, mentre sopra tale soglia si potrà anche fare richiesta di mutuo.

Un secondo fattore sono i tassi di interesse, cioè il Tan e il Taeg. Nella scelta di un prestito, è bene verificare che il Taeg sia compreso tra il 5,44% e il 7,98%. Per i mutui, invece, possono essere valide opzioni sia il tasso fisso sia il variabile, che negli ultimi mesi hanno raggiunto i minimi storici anche grazie al quantitative easing 2 lanciato della BCE.

Non mancano poi le spese accessorie, che includono:

  • spese di istruttoria;
  • spese di perizia;
  • costi di incasso e gestione rata;
  • spese di notifica e chiusura pratica;
  • imposta di bollo;
  • eventuali costi iniziali o assicurativi.

Al mutuo ristrutturazione si aggiungono inoltre altre incombenze, come quelle per il perito, per l’atto notarile e per l’assicurazione obbligatoria in caso di scoppio o incendio.

Un ulteriore aiuto per chi intende avviare lavori sulla propria abitazione è il bonus ristrutturazioni, che garantisce una detrazione fiscale del 50% su un limite di spesa che non può superare i 96 mila euro. Questo incentivo è stato prorogato anche per il 2020 e può essere utilizzato sia in caso di manutenzione ordinaria, sia per una vera e propria ristrutturazione edilizia. Prevista, infine, una detrazione Irpef del 65% per gli interventi di riqualificazione energetica degli edifici, con lo sconto che può arrivare al massimo a 100 mila euro.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sostenibilità: l’impianto fotovoltaico ora può essere noleggiato

next
Articolo Successivo

Domotica: gli europei sognano una casa smart

next