Project Connected Home over IP è un nuovo standard per la casa intelligente che vede coinvolti Apple, Google, Amazon e Zigbee Alliance. L’obiettivo è agevolare la diffusione dei dispositivi Internet-of-things, incrementare il livello di compatibilità dei prodotti sul mercato e soprattutto semplificare la vita dei consumatori.

Ieri tutte le aziende coinvolte hanno confermato l’avvio lavori e assicurato che il nuovo standard sarà esente da royalty. Si tratta decisamente di una svolta nel settore, anche perché non solo partecipano i colossi del settore hi-tech ma con Zigbee Alliance a ruota sono entrati nella partita IKEA, Legrand, NXP Semiconductors, Samsung SmartThings, Schneider Electric, Signify (precedentemente Philips Lighting), Silicon Labs, Somfy e Wulian.

“Il progetto si basa sulla convinzione condivisa che i dispositivi domestici intelligenti debbano essere sicuri, affidabili e senza interruzioni“, ha sottolineato Apple. “Basandosi su IP (Internet Protocol), il progetto mira a consentire la comunicazione tra dispositivi domestici intelligenti, app mobili e servizi cloud e a definire un insieme specifico di tecnologie di rete basate su IP per la certificazione dei dispositivi”.

Un altro dettaglio importante è che l’approccio allo sviluppo sarà open source; inoltre per i produttori sarà più agevole integrare interfacce vocali come Alexa di Amazon, Siri di Apple e Google Assistant. “Il protocollo pianificato integrerà le tecnologie esistenti e i membri del gruppo di lavoro incoraggiano i produttori di dispositivi a continuare a innovare utilizzando le tecnologie disponibili oggi”, ha aggiunto Apple.

Per quanto riguarda la tecnologia over-IP bisogna ricordare che già oggi ne fanno impiego i principali attori del settore. Valer per l’HomeKit di Apple, Echos e “Funziona con Alexa” di Amazon, Zigbee e “Funziona con Google Assistant”. Si tratta quindi “solo” di identificare un unico ombrello a cui possano fare riferimento tutti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

I migliori altoparlanti Bluetooth

next
Articolo Successivo

Acer Nitro 5, notebook gaming economico in offerta su Amazon

next