Netgear ha reso disponibile anche in Italia il nuovo sistema Wi-Fi Mesh Orbi super compatto (RBK13): un kit per la copertura wireless degli appartamenti di grandi dimensioni (fino a 200 mq). La confezione base include un router e un dispositivo satellite, mentre quella più completa dispone di un router e due satelliti. In pratica si posiziona il router nei pressi del proprio modem – che fornisce l’accesso alla rete Internet, oppure nella zona di casa dove c’è la migliore copertura Wi-FI, dopodiché si sfruttano i satelliti per amplificare il segnale in altre stanze o corridoi. Da ricordare che Wi-Fi Mesh Orbi super compatto supporta anche le interfacce vocali Amazon Alexa e Google Assistant.

“Siamo stati i primi a portare nelle case di tutto il mondo i sistemi WiFi Mesh”, ha dichiarato Ivan Tonon, Country Manager Netgear Italia. “Lavoriamo ogni giorno a soluzioni di connessione WiFi sempre nuove che molto spesso anticipano le esigenze del mercato. I nostri prodotti e soprattutto il nuovo Orbi super compatto risponde a quella parte di consumatori che è alla ricerca di un prodotto premium ad alte prestazioni e con un ottimo rapporto qualità-prezzo che gli permetta di avere una connessione WiFi stabile e diffusa all’interno della propria abitazione”.

Si parla di tecnologia Wifi Mesh poiché tutti i componenti della rete – in questo caso il kit – si occupano di ricevere, veicolare e amplificare il segnale a smartphone, PC, tablet, Smart TV, etc. In questo modo l’accesso al Web, streaming e l’impiego di ogni tipo di servizio online può essere effettuato in ogni luogo del proprio appartamento teoricamente con prestazioni analoghe.

Un’altra peculiarità del kit Netgear è quella di godere di un design poco appariscente che ben si sposa con ogni tipo di ambiente domestico. Inoltre per quanto riguarda la cybersicurezza. il sistema integra Armor by Bitdefender: un’applicazione che “garantisce la protezione da virus, malware, password rubate, furto d’identità e attacco hacker, di tutti i dispositivi connessi a Internet dalla propria rete domestica”. Infine è presente il parental control Circle (sviluppato con Disney) che abilita la gestione e monitoraggio degli accessi effettuati dai dispositivi dei propri figli. Ad esempio è possibile visualizzare la cronologia di navigazione, controllando così quali siti vengono consultati o come vengono utilizzati i vari social network, impostare limiti di tempo alla navigazione che viene interrotta una volta superata l’ora prestabilita, stabilire restrizioni di tempo.

Sia Armor che Circle poi sono attivabili direttamente dall’app Orbi su smartphone o desktop. “Una volta impostate le proprie preferenze, l’utente sarà in grado di ricevere notifiche sul proprio smartphone di attività sospette, nel caso ad esempio di Armor, oppure potrà supervisionare le attività online della propria famiglia, nel caso invece di Circle con Disney”, spiega Netgear.

La confezione da 3 (RBK13), che include un router WiFi (RBR10) e due satelliti (RBS10), offre una copertura fino a 200 metri quadrati e costa 229 euro. La confezione da 2 (RBK13), che include un router WiFi (RBR10) e un satellite (RBS10), offre una copertura fino a 120 metri quadrati e costa 169 euro. Il router integra due porte Gigabit Ethernet e ha bisogno di una tradizionale alimentazione via cavo (come i satelliti).

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Cyber Monday 2019, le 10 migliori offerte di oggi per chi non ha approfittato del Black Friday

prev
Articolo Successivo

Dorsali in fibra oceaniche usate per il rilevamento dei terremoti, uno studio sperimentale USA

next