La serata scaligera del 7 dicembre, con la prima che apre la stagione, è famosa non solo come prestigioso evento culturale, ma come grande serata mondana, dove sfoggiare l’abito più colorato, più luminoso, più appariscente. Come l’abito-lampadina di Dvora Ancona, medico estetico e protagonista di molti salotti tv, con 1000 luci led tra le pieghe della gonna. Dai verdi e floreali stile Greta Thunberg alle paillettes, dalle piume rosa ai tatuaggi in memoria del nonno baritono, passando, come lo scorso anno, per l’abito-locandina. E perfino Enzo Miccio, designer e ‘paladino del buon gusto’ rinuncia alle sue celebri stilettate: “La sera del 7 dicembre l’eleganza cede il passo alla stravaganza: è finita la guerra dei gioielli, ma bisogna comunque mettersi in mostra

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Prima della Scala, tra promossi e bocciati ecco le pagelle nel foyer: applausi per cantanti e scenografie, critiche ai costumi

next
Articolo Successivo

Nuoro, quel debito di riconoscenza verso Grazia Deledda che ora verrà ripagato

next