La serata scaligera del 7 dicembre, con la prima che apre la stagione, è famosa non solo come prestigioso evento culturale, ma come grande serata mondana, dove sfoggiare l’abito più colorato, più luminoso, più appariscente. Come l’abito-lampadina di Dvora Ancona, medico estetico e protagonista di molti salotti tv, con 1000 luci led tra le pieghe della gonna. Dai verdi e floreali stile Greta Thunberg alle paillettes, dalle piume rosa ai tatuaggi in memoria del nonno baritono, passando, come lo scorso anno, per l’abito-locandina. E perfino Enzo Miccio, designer e ‘paladino del buon gusto’ rinuncia alle sue celebri stilettate: “La sera del 7 dicembre l’eleganza cede il passo alla stravaganza: è finita la guerra dei gioielli, ma bisogna comunque mettersi in mostra

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Prima della Scala, tra promossi e bocciati ecco le pagelle nel foyer: applausi per cantanti e scenografie, critiche ai costumi

next
Articolo Successivo

Nuoro, quel debito di riconoscenza verso Grazia Deledda che ora verrà ripagato

next