Un incontro tra i due Matteo, Renzi e Salvini, sui colli fiorentini, nella villa dell’ex senatore Denis Verdini, colui che negli ultimi anni ha giocato il ruolo di mediatore tra il politico di Rignano e il centrodestra. L’indiscrezione pubblicata da La Stampa torna a far riflettere sul ruolo esercitato dall’ex presidente del Consiglio all’interno della maggioranza, dalla quale, tra l’altro, tende spesso a prendere le distanze, come successo riguardo alla discussione sul Mes, e su possibili trattative riguardanti soprattutto la tenuta dell’esecutivo e la legge elettorale.

Pronta la smentita di Renzi, che su Facebook scrive: “La fake news di oggi è un incontro segreto Renzi-Salvini sulle colline fiorentine a suon di Chianti. Falso. Io Salvini lo vedo solo in Senato o da Bruno Vespa. Apprezzo che dal mojito si butti sul Chianti, ma io non c’entro niente. Quante bufale ci tocca leggere”.

Il quotidiano torinese sostiene però che fonti vicine ai leader, “presenti nei paraggi”, riferiscono di una trattativa concentrata soprattutto sulle sorti del governo giallorosso. Un esecutivo che, dicono, avrebbe vita breve. E l’incontro avrebbe suscitato più di una preoccupazione nei corridoi di Palazzo Madama. La preoccupazione del senatore fiorentino è tutta legata al post legislatura: “Non l’ha ordinato il dottore di stare insieme”, ha più volte dichiarato, ma prima di arrivare alla rottura Renzi vuole essere sicuro di presentarsi al voto con una legge elettorale che valorizzi al massimo il 5% circa della sua Italia Viva.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Fondo salva-Stati, Conte: “Confronto trasparente con cittadini e Parlamento. Difendo gli interessi dell’Italia”

next
Articolo Successivo

Governo, Prodi: “Se partiti pensano al proprio interesse, prima o poi l’incidente capita. E ora c’è molto traffico…”

next